PrintVersione stampabile





IL CODEX ALIMENTARIUS: un inquietante progetto in campo alimentare

| | Commenti (26)

IL CODEX ALIMENTARIUS: un inquietante progetto in campo alimentare

Autore: FrancoLibero Manco     

   Il Codex Alimetarius entrerà in vigore il 31 dicembre del 2009 e potrebbe essere il più grande disastro per la salute umana: determinerà gli standard di sicurezza alimentare e le regole in più di 160 paesi del mondo, cioè per il 97% della popolazione mondiale.

   La Commessione di Commercio Codex Alimentarius (che nel 1994 dichiarò le tossine come nutrienti) è attualmente finanziata e condotta dall'OMS (che appartiene all'ONU) e dalla FAO.

   Un insieme di standard internazionali aventi come scopo la protezione della "salute" dei consumatori, attraverso pratiche nel commercio per: preparati alimentari, semipreparati, crudi, l'igiene degli alimenti, gli additivi, i pesticidi, i fattori di contaminazione, l'etichettatura, i metodi di analisi. Lo scopo recondito è di mettere fuori legge ogni metodo alternativo nel campo della salute, come le terapie naturiste, l'uso di integratori alimentari, di vitamine e di tutto ciò che potrebbe essere un potenziale concorrente per l'industria chimico-farmaceutica.

   La lobby della chimica farmaceutica è nata da un'associazione condotta da Rockfeller e dall'IGFarben della Germania nazista. L'IGFarben fin dal 1932 fornì ad Hitler un finanziamento di 400.000 marchi senza il quale il secondo conflitto mondiale non avrebbe potuto avere luogo e nel 1941 costruì ad Auschwitz la più grande industria chimica del mondo approfittando della mano d'opera dei campi di concentramento. Nel processo di Noriberga i responsabili della IGFarben furono dichiarati colpevoli di genocidio, di schiavitù ed altri crimini. Però un anno dopo la condanna, nel 1952, tutti i responsabili furono liberati con l'aiuto di Nelsen Rockfeller (che a quei tempi era ministro degli affari esteri in USA) e s'infiltrarono nell'economia tedesca.

   Fino dagli anni 70 il consiglio direttivo della società BASF, BAYER e HOECHST era costituito da membri del partito nazista che, a partire dal 1959, finanziavano il giovane Helmut Kohl. In pratica l'organizzazione nazista associata a Rockfeller ha costituito il mercato farmaceutico del pianeta.

   L'alleanza della IGFarben si è poi tramandata sotto un altro nome: "Associazione per l'industria chimica" che nel 1955 è stata raggruppata nel CODEX ALIMENTARIUS il cui spirito è la soppressione delle innovazioni scientifiche indipendenti degli ultimi 50 anni usando ogni mezzo per mantenere il suo posto sul mercato in riferimento al cancro, all'AIDS, alle malattie cardiovascolari ecc.

   Un gran numero di partiti politici europei, di sinistra e di destra, sono stati finanziati da questa industria per assicurarsi una legislazione favorevole all'industria farmaceutica. Per influenzare i legislatori, condizionare gli organismi di controllo, manipolare le ricerche in campo medico ed educativo, solo nel 1961 le industrie farmaceutiche hanno fatto donazioni alle grandi università degli USA: 8 milioni di dollari ad Harvard, 8 milioni di dollari a Yale, 10 milioni di dollari a Jonh Hopkins, 1 milione di dollari a Standford, 1,7 milioni di dollari a Columbia di New York. L'informazione dei medici è interamente finanziata dalle compagnie, che nascondono con attenzione un gran numero di effetti secondari pericolosi e perfino mortali dei farmaci. Vale la pena ricordare che ogni anno solo nel Nord America muoiono 800.000 persone a causa delle medicine allopatiche. Il 13 marzo 2002 gli europarlamentari adottarono leggi a favore dell'industria farmaceutica secondo le disposizioni fissate del Codex Alimentarius, finalizzate ad elaborare una documentazione coercitiva per tutte le terapie naturiste e gli integratori alimentari. Ma nonostante 438 milioni di petizioni inviate al Parlamento Europeo le direttive del Codex sono state adottate.

   Il dr. Rath Matthias, uno specialista tedesco per l'uso di trattamenti naturisti, nel 2003 ha consegnato alla Corte Internazionale di Giustizia un atto di accusa per crimini contro l'umanità. Matthias afferma: "Il vero scopo dell'industria farmaceutica mondiale è di guadagnare soldi grazie alle malattie croniche e di non preoccuparsi di prevenire o sradicare queste malattie. L'industria farmaceutica ha un interesse finanziario finalizzato alla diffusione di queste malattie, per assicurarsi il mantenimento o addirittura l'aumento dei prezzi dei medicinali. Per questo motivo i farmaci sono fatti per eliminare i sintomi e non per trattare le vere cause delle malattie... le compagnie farmaceutiche sono responsabili di un genocidio permanente e diffuso, in quanto uccidono in questo modo milioni di persone".

   A partire dal 2005 le direttive applicate mirano a:

- eliminare ogni supplemento alimentare naturale che sarà sostituito con 28 prodotti di sintesi disponibili solo in farmacia: tutto ciò che non è nella lista del Codex è considerato illegale;

- le medicine naturiste, come l'agopuntura la medicina energetica, ayurvedica, tibetana ecc. saranno progressivamente vietate;

- l'agricoltura e l'allevamento di animali saranno regolate dall'industria chimico-farmaceutica che vieta per principio l'agricoltura biologica. Questo significa che ogni mucca da latte sarà trattata con l'ormone bovino della crescita (ricombinato geneticamente) prodotto dalla Monsanto. Inoltre. Ogni animale del pianeta usato a fini nutrizionali dovrà essere trattato con antibiotici ed ormoni della crescita. Le regole del Codex permettono che gli alimenti contenti OGM non debbano più essere etichettati come tali. Non solo. Nel 2001 il Codex Alimentaris reintegra 7 delle 12 sostanze chimiche (note per essere causa di cancro) vietate unanimemente da 176 nazioni.

- l'alimentazione umana dovrà essere irradiata con Cobalto i cui livelli saranno maggiori di quelli permessi in precedenza.



  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.4/5 (70 votes cast)




26 Commenti

Quanto mi piace quest'intervento.. è vero, l'articolo è scritto male, ma ciò che viene scritto a fonti verificate corrisponde a realtà.

Hai sollevato però alcuni problemi molto interessanti, quale questo pestarsi i piedi di queste "sette" che dici della libera scelta o della globalizzata omologazione.

Ma soprattutto me gusta:

"Non è con questa versione moderna del vecchio ciclostilato distribuito a mano alle manifestazioni che si riuscirà a raggiungere le coscienze tuttora 'dormienti'"

purtroppo dormono in troppi, e la comunicazione virtuale secondo me non ha la sufficiente capacità per poter risvegliare le anime di coloro che più o meno coscientemente sopportano le barbarie approvate dai nostri governi statali ma non solo, anche europei o perchè no, mondiali (FAO, ONU, ecc..)

Il CODEX ALIMENTARIUS prende scelte per i nostri regnanti e loro le approvano, beh questo non ci dovrebbe andare bene, considerato che si tratta della salute di ognuno di noi. Bisogna poi fare attenzione alla religione d'oggi, la Scienza, perchè già lo disse Galileo che non descrive una realtà per come è, ma per ciò che ci si avvicina di più secondo le conoscenze del momento (storico). Non crediamo a tutto quello che dicono medici o scienziati che lavorano per ditte la cui sola ambizione è il lucro.

So solo che l'unione farà la forza, perchè la comune coscienza degli uomini non può farsi piacere tutto questo. Non voglio crederci. E questo potrà accadere solo attraverso una fitta connessione di rapporti UMANI, che dovranno lavorare e lottare insieme, informarsi e controinformarsi per poter cambiare le cose.

In effetti devono aver perso una "e" nel nome di Rockefeller ... ma a parte questo che ringrazio di aver fatto notare, però sappi che esiste una Nuova Direttiva europea che dice: per tutte le preparazioni di erbe si dovrà passare attraverso le stesse procedure dei farmaci: Dal 1° di aprile 2011. Alla fine della direttiva del 31 marzo 2004 scrive :

2. Ai medicinali vegetali tradizionali di cui all'articolo 1, già in commercio al momento dell'entrata in vigore della presente direttiva, le autorità competenti applicano le disposizioni della presente direttiva entro i primi sette anni dalla sua entrata in vigore.

Articolo 3
La presente direttiva entra in vigore il giorno della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Articolo 4
Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Strasburgo, addì 31 marzo 2004.

***************************************************
Quindi se dicono che: Dal 1° di aprile 2011 tutte le erbe medicinali praticamente diventeranno illegali nell’Unione Europea.
Basta fare i conti: dal 2004 al 2011 sono proprio 7 anni !!
"le autorità competenti applicano le disposizioni della presente direttiva entro i primi sette anni dalla sua entrata in vigore."
***************************************************

Per questi assassini-delinquenti dovremo accogliere le firme e chiedere un secondo processo di Norimberga.

Andrea non dire puttanate sparati idiota! gli illuminati moriranno

fin quando al potere ci saranno potenti industriali-manageriali di qualsiasi tipo di attività, quelli che subiranno le conseguenze saremo sempre noi piccoli....quindi sprono chi ha postato il suo commento e chi posterà in futuro di darsi e darci una mossa...
I DAVIDE BATTERANNO IL GOLIA...ma se i Davide nn si smuovono...i Golia ci mangeranno dall'interno indebolendoci...

"La lobby della chimica farmaceutica è nata da un'associazione condotta da Rockfeller e dall'IGFarben della Germania nazista [...]"


Cominciamo bene: "Rockfeller" in realtà si chiamava Rockefeller. Per la precisione, John Davison Rockefeller. E non occorre una laurea in economia per saperlo: la buona vecchia Wikipedia, se usata con un minimo di senso critico, già fornisce informazioni sufficienti per non rischiare figuracce.

Il punto, spero qualcuno/a ci sia già arrivato, non è il banale refuso ma la piaga del copia-e-incolla che offre a chiunque 45 secondi di attenzione e credibilità. Poi, però, quando si legge TUTTO e con ATTENZIONE, saltano fuori i limiti di certa controinformazione. Che temo rimarrà per sempre 'contro-' a causa della carenza di ufficialità e della mancanza di una vera legittimazione in ambito mediatico.

Approssimazione, linguaggio di stampo populista (che tenta ingenuamente di opporsi al tronfio gergo scientifico di cui si riempiono la bocca baroni e cariatidi tutti protocolli ed 'evidenze'), dati errati o privi di supporto, iperboli (la petizione...), ipersemplificazione, negazione a priori del dialogo tra le parti, partigianeria... In breve il micidiale abbinamento tra forma zoppicante e sostanza deboluccia, vale a dire la metodologia comunicativa ormai tristemente associata ai portavoce del «popolo dell'autodeterminazione» il quale guarda con orrore ed impotenza l'evolversi di questo filone legislativo eccetera eccetera, non fanno che ritorcersi contro chi scrive e, ahimè, anche contro chi legge perché gli/le preme aggiornarsi per esercitare le proprie scelte di vita.

Occorre rapportarsi di petto con l'arroganza dell'industria per costruire enormi catapulte, non lanciare sassolini e poi piangere quando la mannaia dell'omologazione e della deresponsabilizzazione ("ci pensa la mmamma, tu ancora non puoi capire") si abbatte sul diritto a sapere, informarsi, consigliarsi, eccetera. In una parola, quando sopra il burrone la corda della LIBERA SCELTA si fa sempre più corta.

Non è con questa versione moderna del vecchio ciclostilato distribuito a mano alle manifestazioni che si riuscirà a raggiungere le coscienze tuttora 'dormienti': chiunque abbia ancora un neurone funzionante nel propria capoccia impara presto a diffidare degli alti lai della naturopatia, delle medicine complementari (roba per liberi professionisti illuminati e danarosi o massaie che vanno a far la spesa col SUV) e dell'astuto business degli alimenti biologici tanto quanto si terrà alla larga dalle granitiche ed arroganti prese di posizione dei rappresentanti del potere nel campo del diritto alla salute ed a una vita sana.

E ciò purtroppo non implica automaticamente che tra assertori della libertà di scelta (avversari dell'omologazione e del pensiero unico) ci sia più di tanto dialogo: mi duole, ma ne sono costretto, vederli come tante sette ciascuna che pesta i piedi e tenta di rivendicare non si sa bene cosa. L'unione farebbe la forza, ma non sia mai!

Che volete, siamo italiani anche in questo.

Ho solo fatto l'avvocato del diavolo, spero ve ne siate accorti.

Sperando di non dover mai recitare il "de profundis", un augurio di resistenza.

Andrea

Domani , venerdì 24 luglio 2009, su Radio Time alle 11.00 mi occuperò di questo argomento parlandone con Danilo Lindiner (studioso di fenomeni "poco chiari") e Gery Palazzotto (giornalista, scrittore)
per chi volesse ascoltare : PA 94 Mhz - TP 106.9 Mhz - EN e CL 88.3 Mhz -

via web : www.radiotime.it

tramite Facebook : http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Flive3.streamingmedia.it%2Fradiotime%3FMSWMExt%3D.asf&h=b2ef22b2d55c610a37e95281480f1c63

ho ricevuto oggi l'articoletto sul codex.
leggendo le varie opinioni contrastanti, ed alcune anche autorevoli, l'unico commento che penso si possa fare è che in questo mondo in cui siamo sommersi di informazione l'unica cosa che probabilmente non riusciremo mai a sapere è la VERITA'

Qualcuno ha detto che limiteranno le vitamine per la salute dei ...ehm 'sudditi' ...per evitare le ipervitaminosi!

Questi di Altroconsumo (che secondo loro ...sono indipendenti ed efficaci!) dicono che l'allarme sul codex è una bufala:
http://www.altroconsumo.it/emergenze-e-controlli/l-allarme-sul-codex-alimentarius-una-bufala-che-gira-sul-web-s247333/notizie-p12530.htm

saluti

Ciao Giovanni, ho letto il tuo commento e mi sento di dirti che non può esistere la vera democrazia fintanto che esiste un mondo governato dalla legge del profitto e dal sistema monetario! Ai "potenti" non interessa il benessere vero della gente.. nemmeno quello dei loro stessi figli.
Fabiola

Scusate l'ignoranza, ma come può la Commissione Europea limitare il dosaggio dei nutrienti che ciascuno può assumere nell'arco della giornata?
Può legiferare, approvare il Codex o acquisirlo come standard, ma non credo che se ciascuno di noi continuerà ad alimentarsi come ha sempre fatto, si troverà la polizia in casa.

O mi sono perso qualcosa, circa la democrazia?

ciao daniela ho letto l'articolo sul codex, sono dalla tua parte, fammi sapere come posso contribuire pure io,

E' dal gennaio 1986, dopo un coma da ictus com emorragia cerebrale 50 giorni di ospedale e il rifiuto d'intervento,che il mio unico farmaco è l'allicina dell'aglio. Ho 73 anni e mi sento benissimo.

vi mando un sito che raccoglie firme per una petizione contro questa legge che dovrebbe andare in vigore in dicembre .Hanno bisogno di un millione di firme per mandare alla corte europea--per favore firmate!!!!!
il sito e:www.thepetitionsite.com/1/codex-alimentarius

ciao sono daniela , una naturopata, sono assoutamente esterefatta dalla notizia del codex. e' infatti da piu' di un mese che non faccioaltro che diffondere l'informazione attraverso una serie di reti ta cui fb , meet up di beppe grillo, associazioni ambientaliste.
sto provando a coinvolgere persone che vogliano costituire un gruppo che possa presenziare al prossimo incontro a roma delle organizzazioni mondiali della sanita' per la discussione del codex.
nel frattempo voglio fare riunioni e raccogliere altre firme.
la petizione in inglese la trovi nelsito cerca in google ''petizioni codex alimentarius''
in ogni modo comincero' a raccogliere firme.
ti prego di aiutarmi in questa iniziativa ho intenzione di creare una rete in tutta italia e se e' ilo caso anche all'estero.
sono d'accordo sull'importanza di essere uniti.
non so con quale sistema mase vogliamo possiamo ottenere qualcosa.
pensavo che il modo migliore e' sabotaresin da oral'industria farmaceutica limitando anzi direi eliminando il consumo di farmaci.
sono disposta afare conferenze in tutta italia se mi si trovano spazi disponibilisuimetodi di guarigione non farmacologica.
la mia mail e' emozionicantate@yahoo.it
ti prego di rispondermi. grazie.

Buongiorno,

A proposito del Codex Alimentarius e su come agire, sul cosa fare riflettendo in rete, anche con "addetti ai lavori": cittadini responsabili, contadini consapevoli, consumatori equi e svegli ecc. sono emersi questi quattro punti, spero se ne aggiungano altri o che altri li perfezionino per essere insieme più forti!

1) Tendenza per chi può all'autosufficenza alimentare e all'autoproduzione o anche a favorire chi può farlo e/o può praticare un'agricoltura sana biologica, di qualità, che produca in eccedenza per poi poter redistribuire il prodotto;

2)Scelte oculate degli amministatori pubblici locali, opportunamente informati, sensibilizzati e sollecitati da cittadini consapevoli;

3) Agire in maniera dinamica e attiva sulla cultura locale, partecipando a dibattiti, tavole rotonde, rilasciando interviste e adoperandosi nel filone del "farlo sapere" legato strettamente ai media ai loro vari livelli;

4)Sostenere l'economia locale partendo dalla riconversione delle aziende agricole per arrivare ad una loro centralità.

Secondo alcuni come nelle peggiori crisi c'è il rovescio della medaglia e pur sapendo che la situazione è dura, forse mai come in questo momento, in certi ambiti anche agricoli-consapevoli, c'è fermento e voglia di agire in maniera positiva per salvarci da questa deriva di potere impazzita.

Inoltre vorrei segnalare che gli Stati hanno modalità, burocrazie e legislazioni diverse e quindi apparentemente, nel recepimento del Codex, reagiranno diversamente e non in modo congiunto. Tuttavia, malgrado tutto l'impegno personale ai vari livelli (saper fare, fare, far sapere), non c'è purtroppo alcuna garanzia che lo Stato italiano (per parlare di casa nostra) non recepisca tutto o parti intere del Codex, che invece (purtroppo) esiste ed è già lì apparentemente in dirittura d'arrivo.
Incrociamo le dita, facciamo più squadra e diamo fondo anche alle nostre capacità spirituali.

Saluti cordiali

Daniele

L’AGENDA PER IL CONTROLLO DELLA POPOLAZIONE
Nel 1995 la FDA(ente statunitense preposto al controllo alimentare e farmacologico)adotto’ una politica illecita secondo cui si affermava che gli standard internazionali(vale a dire il Codex)avrebbero soppiantato le leggi statunitensi relative a tutti i prodotti alimentari, sebbene suddetti standard fossero incompleti.
Per di piu’,nel 2004 gli Stati Uniti approvarono il Central America Free Trade Agreement(illegale in base alla legislazione statunitense,ma legale secondo il diritto internazionale),che impone agli Usa di conformarsi al Codex.
Allorquando questi standard saranno adottati,non vi sara’ modo di tornare a quelli precedenti,tuttavia i paesi avranno la facolta’ di adottarne alcuni ritenuti superiori a quelli del Codex.Un esempio potrebbe essere la Direttiva Europea sugli Integratori.Una volta che l’osservanza del Codex iniziera’ in qualsiasi area, sara’ del tutto irrevocabile sino a quando un paese restera’ membro del WTO: non sara’ possibile revocare,modificare o alterare gli standard in qualsivoglia forma,modo o foggia.
Controllo della popolazione in cambio di denaro,questo e’ il modo piu’ agevole per descrivere il nuovo Codex Alimentarius,il quale e’ di fatto gestito dagli USA ed essenzialmente controllato dall’industria farmaceutica con lo scopo di ridurre la popolazione mondiale dagli attuali-secondo le stime-6,692 miliardi di individui sino a 500milioni sostenibili-all’incirca una riduzione del 93 per cento.Aspetto alquanto interessante,prima dell’arrivo degli Europei in America,la popolazione dei nativi in territorio statunitense ammontava a circa 60 milioni;attualmente si aggira intorno alle 500.000 unita’,vale a dire una riduzione approssimativa del 92 per cento come esito delle politiche governative di genocidio,inedia e avvelenamento.
Il Codex e’ simile ad altre misure per il controllo della popolazione adottate clandestinamente da governi del mondo occidentale; ad esempio ,introduzione di agenti immunosoppressivi latenti dannosi per il DNA in vaccini (come AIDS e influenza aviaria weaponized,vale a dire sviluppati come arma), aspartame,scie chimiche,chemioterapia per il trattamento del cancro e RU486(la pillola abortiva finanziata dalla dinastia Rockefeller).
La FAO e l’OMS hanno stimato che con la sola introduzione delle direttive su vitamine e minerali,nell’arco di un decennio si avranno come esito come minimo tre miliardi di decessi;un miliardo sara’ dovuto a inedia,gli altri due miliardi come esito di evitabili malattie degenerative da alimentazione insufficiente,ad esempio cancro,patologie cardiovascolari e diabete.
Rifilare di nascosto ai consumatori alimenti irradiati,degradati,demineralizzati e zeppi di pesticidi rappresenta il modo piu’ veloce ed efficace per provocare la lucrosa insorgenza di evitabili patologie degenerative da malnutrizione,per le quali la piu’ appropriata linea d’azione e’ il trattamento con prodotti farmaceutici tossici. La morte per profitto e’ la nuova definizione del gioco.
L’industria farmaceutica attende da anni l’armonizzazione del Codex.Un’inconsapevole popolazione mondiale che degenera fisicamente a ritmo accelerato, e fornisce al contempo un picco di introiti,rappresenta l’obiettivo finale dei furtivi e madornali controllori di questa corrotta organizzazione commerciale che, a quanto si afferma,bada alla sa

Una volta che l'osservanza del Codex iniziera' in qualsiasi area,sara' del tutto irrevocabile sino a quando un paese restera' menbro del WTO: non sara' possibile revocare ,modificare ,o alterare gli standard in qualsivoglia forma,modo o foggia.Controllo della popolazione in cambio di denaro,questo e' il modo piu'agevole per descrivere il nuovo Codex,il quale e' di fatto gestito dagli USA ed essenzialmente controllato dall'industria farmaceutica con lo scopo di RIDURRE LA POPOLAZIONE MONDIALE DAGLI ATTUALI -secondo le stime- 6,692 MILIARDI DI INDIVIDUI SINO A 500 MILIONI SOSTENIBILI ALL'INCIRCA UNA RIDUZIONE DEL 93 PER CENTO. Aspetto alquanto interessante,prima dell'arrivo degli Europei in America,la popolazione dei nativi in territorio statunitense ammontava a circa 60 milioni; attualmente si aggira intorno alle 500.000 unita',vale a dire una riduzione approssimativa del 92 per cento come esito delle politiche governative di genocidio,inedia e avvelenamento.Il Codex e' simile ad altre misure per controllo della popolazione adottate clandestinamente da governi del mondo occidentale;ad esempio,introduzione di agenti immunosoppressivi latenti dannosi per DNA in vaccini (come AIDS e influenza aviaria weaponized,vale a dire sviluppati come arma),aspartame ,scie chimiche,chemioterapia per trattamento del cancro e RU486 (la pillola abortiva finanziata dalla dinastia Rockefeller).La FAOe l'OMS hanno stimato che con la sola introduzione delle direttive su vitamine e minerali,nell'arco di un decennio si avranno come esito come minimo tre miliardi di decessi; un miliardo sara' dovuto a inedia,gli altri due miliardi come esito di evitabili malattie degenerative da alimentazione insufficiente,ad esempio cancro patologie cardiovascolari e diabete.Rifilare di nascosto ai consumatori alimenti irradiati, degradati,demineralizzati e zeppi di pesticidi rappresenta il modo piu' veloce ed efficace per provocare la lucrosa insorgenza di evitabili patologie degenerative da malnutrizione,per le quali la piu' appropriata linea d'azione e' il trattamento con prodotti farmaceuti tossici.La morte per profitto e' la nuova definizione del gioco.L'industria farmaceutica attende da anni l'armonizzazione del Codex.Un'inconsapevole popolazione mondiale che degenera fisicamente a ritmo accelerato,e fornisce al contempo un picco di introiti,rappresenta l'obiettivo finale dei furtivi e madornali controllori di questa corrotta organizzazione commerciale che, a quanto si afferma bada alla salute dei consumatori.

Ribadisco quanto scritto nel mio precedente post: Tutta la mia indignazione per il Codex "de profundis".
Vorrei però una precisazione da chi può saperla su questa frase riportata nell'intervento di Franco Libero Manco autore dell'articolo, lui asserisce che ben "..438 milioni di petizioni inviate al Parlamento Europeo.." Il che a me pare un po' eccessivo, se andate sul sito della laleva.org dove parla della petizione, si menzionano 47.000 firme "raccolte" per la petizione. Che è già un dato accettabile. Ma 483 milioni di petizioni...francamente mi sembra esagerato o non corretto, nel senso di essere stato mal riportato al momento della scrittura dell'articolo.
Fatemi sapere che ne pensate.

E' una situazione di una gravità inaudita, soprattutto se come si scrive nell'articolo il Codex Alimentarius entrasse veramente in vigore dal dicembre prossimo in 160 Paesi nel mondo. Questo stravolgerebbe le nostre abitudini alimentari ed anche in certi casi quelle di cura e terapia e non solo.
E' inaudito che ciò avvenga all'oscuro di milioni e milioni di persone che utilizzano complementi e integratori, ma non solo, mangiano in maniera sana e biologica!
Bisogna trovare un modo per ralazionarci e combattere insieme questo disastro.

è un disastro!! ormai siamo assuefatti alle tragedie...non è giusto! se veramente averrà ciò che poco sopra è scritto ci sarà ancora più sofferenza......svegliamoci!

Archimede

Carissima Anna Maria,
qui c'e' la petizione della ANH:
http://www.ipetitions.com/petition/anh-vitaminrestrictions

e a quest'altro link l'articolo in italiano sulla petizione:
http://tinyurl.com/c322y9

Me ne è giunta notizia in questi giorni, non ne sapevo niente e credo che la maggioranza delle persone non ne sia al corrente. Data la gravità della cosa, cosa si può fare? E' in corso qualche petizione, raccolta di firme, iniziative di qualsiasi genere per opporsi a questo imminente disastro?

W l'agopuntura!!!

sono felice che ci siano persone che si interessano ancora ad aiutare la natura la medicina in modo naturale


ciao Giacomo

molto interessante spero e desidero che ogni individuo possa continuare a curarsi come preferisce e a mnagire cose buone senza veleni

ciao Giacomo

Lascia un commento

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Letture consigliate

Guida alle vitamine e ai minerali

Amanda Ursell
Integratori naturali per essere in buona salute e pieni di vitalità
Almanacco Della Nutrizione

G.J. Kirschmann
"Esercizio fisico, erbe, aromaterapia, omeopatia, tabelle degli alimenti e molto di più "

La Nuova Biologia della Salute

Matt Traverso
Riconquista il controllo della salute e della vita!
Supercibi Naturali per la Salute

Gillian McKeith
Il vostro corpo vi ringrazierà


Altri libri sulla medicina naturale

About this Entry

This page contains a single entry by Archimede published on 09.04.09 12:14.

Petizione on-line dell'ANH contro le restrizioni sulle vitamine e sui minerali negli integratori was the previous entry in this blog.

Le api tornano in Pianura Padana is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.