Article reference: http://www.laleva.org/it/2006/12/la_coca-cola_e_cancerogena_negli_studi_sperimentali_a_lungo_termine_su_ratti_sprague-dawley.html

La Coca-Cola è Cancerogena negli studi sperimentali a lungo termine su ratti Sprague-Dawley

Risultati di studi sperimentali a lungo termine su ratti Sprague-Dawley, cui è stata somministrata Coca-Cola
Traduzione dell'Abstract a cura di Stefano Pravato per www.disinformazione.it

Studio condotto da Fiorella Belpoggi, Morando Soffritti, Eva Tibaldi, Laura Falcioni, Luciano Bua e Francesca Trabucco.
Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni (CRCCM), Fondazione di Oncologia e Scienze Ambientali “Bernardino Ramazzini” - Bologna
www.ramazzini.it - Qui si può scaricare lo studio originale: Scarica .pdf

Abstract (Sintesi): La Coca-Cola è stata inventata nel maggio 1886 ad Atlanta, Georgia, da un farmacista che, più o meno per caso, miscelò acqua carbonata con sciroppo di zucchero, acido fosforico, caffeina ed altri aromi naturali per creare quella che è conosciuta come la “bibita analcolica più diffusa al mondo.” Attualmente la Coca-Cola è venduta in più di 200 nazioni e agli inizi del 2000 l 'azienda ha venduto la sua 10 miliardesima confezione di prodotto marchiato Coca-Cola. Stante il consumo mondiale di Coca-Cola, la Fondazione Europea Ramazzini ha pianificato e condotto presso il suo CRCCM di Bentivoglio, Bologna, un progetto sperimentale per studiare gli eventuali effetti a lungo termine correlati alla somministrazione a ratti Sprague-Dawley di Coca-Cola al posto dell'acqua da bere per tutta la vita, fino a morte naturale.

I test biologici sono stati eseguiti su ratti maschi e femmine di diverse età, e precisamente: (a) esposti sin dalla fase embrionale o dall'età di 7 settimane; e (b) esposti a partire da 30, 39 o 55 settimane d'età. Complessivamente il progetto ha riguardato 1999 ratti. Durante la fase vitale, sono stati raccolti dati sul consumo di bevande e di cibo, sul peso corporeo e la sopravvivenza. Gli animali sono stati tenuti sotto osservazione fino al decesso naturale e quindi sottoposti ad autopsia. I risultati indicano: (a) un aumento del peso corporeo di tutti gli animali trattati; (b) un aumento statisticamente significativo in relazione ai tumori maligni mammari nelle femmine, sia con prole che senza; (c) un aumento statisticamente significativo dell'incidenza degli adenomi esocrini del pancreas sia nei maschi che nelle femmine, sia con prole che senza; e (d) una maggior incidenza, per quanto non statisticamente significativa, dei carcinomi delle cellule delle isole del pancreas nelle femmine, un tumore maligno verificatosi molto raramente nei controlli storici del CRCCM. Sulla base dei risultati di questo studio, il consumo eccessivo di bevande analcoliche dovrebbe essere generalmente scoraggiato, in particolare nei bambini e negli adolescenti.

Nota:
Il Progetto di Ricerca della Fondazione Europea Ramazzini ha compreso lo studio di oltre 200 composti/agenti presenti nell’ambiente di vita generale e di lavoro. Sono stati pubblicati i risultati relativi agli studi di oltre 110 di questi composti/agenti e, fra gli altri, quelli che hanno dimostrato per la prima volta:
1) la capacità del cloruro di vinile di indurre angiosarcomi del fegato ed altri tipi di tumore;
2) la capacità della formaldeide di indurre linfomi e leucemie;
3) che il benzene sperimentalmente produce vari tipi di tumore in differenti organi e tessuti;
4) che alcool metilico ed alcool etilico inducono sperimentalmente vari tipi di tumore in differenti organi e tessuti;
5) la capacità del Metil-tert-butil etere (MTBE), additivo ossigenato più utilizzato nelle benzine verdi, di causare linfomi e leucemie;
6) la cancerogenicità del pesticida Mancozeb e degli additivi ossigenati Ter-amil-metil etere (TAME) e Di-isopropiletere (DIPE);
7) la cancerogenicità del dolcificante artificiale Aspartame.

Fonte:

www.disinformazione.it

Comments


l'articolo non convince minimamente, perchè innanzitutto non si capisce esattamente quali erano i campioni trattati e quelli di controllo. Secondo, i ratti di controllo dovevano essere divisi in due sottogruppi: trattati con acqua zuccherata e trattati con acqua normale. Terzo, non c'è alcun trattamento statistico per discriminare tra gli effetti cancerogeni della coca cola per se e quelli dell'aumento di peso, che qualsiasi bevanda zuccherata, a quelle dosi, induce. La conclusione che la coca cola fa male perchè fa aumentare di peso è corretta, che faccia venire il cancro come capziosamewnte tenta di sostenere l'articolo è pura junk-science