Aspartame e Stevia... Il Complotto

| | Commenti (5)
November 2 2007 day 22 - Who's your sugar daddy?

Image by DeathByBokeh via Flickr

Aspartame e Stevia... Il Complotto

Vi riportiamo un'anteprima di un'intervista preparata dal team de La Leva di Archimede per una trasmissione che sarebbe dovuta andare in onda su La7 all'interno del programma COMPLOTTI. Purtroppo, all'ultimo momento é stato annullato il servizio dedicato all'aspartame.

Ci teniamo comunque a rendervi partecipi del nostro lavoro.

Un grazie speciale a Ivan che ha dedicato il suo tempo e il suo cervellone(!) a questo progetto facendo nuovamente da "portavoce" alla nostra Associazione.

Cos'è l'Aspartame?

L'aspartame, nome in codice E951, è un dolcificante artificiale composto da un 40% di acido aspartico, dal 50% di fenilalanina e da un 10% di metanolo. E' stato scoperto casualmente da un ricercatore della casa farmaceutica GD Searle nel 1965 che stava studiando un nuovo farmaco anti-ulcera. Possiede le stesse calorie dello zucchero ma il suo potere dolcificante è 180 volte superiore, per questo motivo è utilizzato da chi vuole ridurre l'apporto di calorie nella propria dieta. Lo ritroviamo infatti nella maggior parte degli alimenti e bevande 'light' o senza zucchero.

L'aspartame è pericoloso?

Secondo le autorità ufficiali quali FDA (Food and Drugs Administration), il JEFCA (comitato misto FAO/OMS di esperti per la valutazione degli additivi alimentari), l'SCF (comitato scientifico per l'alimentazione), l'EFSA (l'autorità europea per la sicurezza alimentare) ed altri ancora, l'aspartame non è pericoloso ed è quindi utilizzabile e commerciabile.

Gli studi indipendenti, tra cui quello della Fondazione Europea Ramazzini, sostengono invece che l'aspartame è causa di tumori e altri disturbi della salute.


  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.4/5 (29 votes cast)
Share |

Non gela in frigo: la proteina estratta da un pesce artico ne preserva la consistenza. Allarme Coldiretti: è

un inganno. Dopo il semaforo verde della Commissione europea, già quest'estate nei 27 paesi della
Ue si potranno vendere coni "very strong".

tra
tto http://www.repubblica.it del 19 giugno 2009 a firma di Antonio Cianciullo

ROMA - Via libera al gelato ogm. Dopo il semaforo verde della Commissione europea, già quest'estate nei 27 paesi della Ue si potranno vendere coni "very strong", capaci di resistere a temperature polari senza perdere cremosità. Grazie a un gene rubato a un pesce artico, i gelati transgenici saranno resistenti come dischi dell'hockey su ghiaccio: potremo metterli nel più glaciale dei freezer per farli resistere più a lungo senza squagliarsi.

La proteina sintetica utilizzata dalla Unilever si chiama Isp (Ice Structuring Protein) ed è derivata da un lievito geneticamente modificato. Avendo ottenuto l'approvazione prima dell'Efsa (l'Autorità europea per la sicurezza alimentare) e poi della Commissione europea, potrà essere inserita nella categoria dei novel foods come ingrediente alimentare nel ghiaccio.
Ma non tutti sembrano apprezzare la concentrazione tecnologica sulle performance termiche del gelato. "I ricercatori dell'Indipendent Science Panel già nel 2006 avevano dimostrato che la proteina della Unilever costituisce un allergene - commenta Nicoletta De Cillis, della Fondazione Diritti Genetici - Per di più il nuovo ingrediente sarà etichettato semplicemente come proteina Isp in base alla attuale normativa Ue che non sottopone casi come il gelato della Unilever alla regolamentazione prevista per gli Ogm".


  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3/5 (3 votes cast)
Share |

Aspartame: discussione infinita

| | Commenti (3)

Aspartame: discussione infinita

Fanno discutere le dichiarazioni dell’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) riguardo al famosissimo dolcificante artificiale chiamato Aspartame (E951) e presente in numerose bevande dietetiche o in molti analcolici gasati light ed in gomme da masticare, dolciumi, farmaci, ecc.L’EFSA ha dichiarato:
"non c’è niente che faccia pensare ai possibili effetti genotossici o cancerogeni dell’aspartame e non c’è alcun motivo di rivedere l’ADI (consumo giornaliero consigliato) di aspartame pari a 40 mg/Kg al giorno".

Le dichiarazioni dell’EFSA sembrano non tenere conto delle ricerche della Fondazione Ramazzini di oncologia e scienze ambientali che denunciano, dopo 3 anni di studi, la pericolosità di questo dolcificante.

Questo studio, svoltosi nel 2005 su 1800 ratti, sembra dimostrare che l’aspartame provoca aumenti significativi di linfomi/leucemie ed è un multipotenziale cancerogeno sulle cavie. I risultati sono stati confermati in un secondo studio risalente al 2007. I dati raccolti sono stati tali da far indicare l’Aspartame come agente cancerogeno in grado di indurre vari tipi di tumori maligni, anche a dosi tutt’oggi ammesse per l’alimentazione umana sul sito della fondazione stessa.

  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (4 votes cast)
Share |

"Codex Alimentarius: per soldi o per amore?"

Grazie a tutti coloro che sono stati presenti alla conferenza online della settimana scorsa.

Per chi non ha potuto partecipare è ora possibile ascoltare l'intervista partendo dalla pagina

http://www.ifeelgood.it/teletraining_LEVA_ARCHIMEDE_S.htm

Inserendo nome e email negli appositi campi e clickando "Si, voglio ascoltare..." si va su una pagina che permette di ascoltare l'intervista con tre scelte di qualità audio (e peso del file)...

Grazie ancora alla associazione IFeelGood per questa bellissima iniziativa e per aver dato voce al presidente de La Leva Sepp Hasslberger

Buon ascolto!


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (1 votes cast)
Share |

TANTO RUMORE PER NULLA?

| | Commenti (0)

In questo articolo, Silvano Borruso, Italiano che insegna matematica in una scuola in Kenia, analizza l'economia e suggerisce dei passi concreti per uscire dalla presente crisi.

Introduzione

A ruota del collasso della finanza internazionale, un panico in crescendo sembra impossessarsi degli animi degli italiani. Si punta il dito verso lo Stato, i banchieri, la criminalità organizzata, i nullafacenti con stipendi da capogiro nel bel mezzo della recessione, i Rom e altri immigrati, e chi più ne ha più ne metta.

Non si punta però nessun dito verso la causa unificante di tutto il disordine visibile ed invisibile. Sulla scia di cinque testi precedenti, apparsi in Rete tra il 2004 e il 2007, uno dei quali prevedeva il collasso di cui sopra, questo scritto promette, e spero mantenga, di identificare la causa comune della apparente moltitudine di problemi, e di proporre un rimedio storicamente e scientificamente valido, applicabile senza indugio, e corroborato dalla verità delle cose e dal senso comune.

Il metodo scientifico richiede, per cominciare, di esporre quanto più accuratamente possibile il problema, seguire con una ipotesi e con esperimenti circa quest’ultima. Il testo provvederà, o così spero, le tre cose.

I problemi sottoelencati sono apparsi in vari articoli tanto dei media tradizionali quanto in Rete. Non pretendo di esaurire il tema.

Problemi Sociali

1. Non-solidarietà
2. Spopolamento delle campagne
3. Criminalità, organizzata o no
4. Immigrazione d’assalto

Problemi economici

5. Disoccupazione e trasferimento di impianti produttivi all’estero
6. Parassitismo
7. Povertà involontaria
8. Scarse infrastrutture
9. Insufficienti fonti di energia
10. Guerra occulta Sanità-Agricoltura

Problemi politici

11. Diogene cerca ancora...
12. Partitocrazia e cattive leggi
13. Euro spada di Damocle
14. Corruzione
15. Tassazione perversa
16. Servilismo


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (2 votes cast)
Share |

Codex Alimentarius: per soldi o per amore?

giovedì 18 Giugno 2009 ore 21.00.


pc-la-leva-ifeelgood.jpg

Leonardo & Viviana dell'associazione IFeelGood intervistano on line Sepp Hasslberger

Scrittore, Attivista e Fondatore del portale web di controinformazione "La Leva di Archimede"....

Partecipa all'intervista a Sepp Hasslberger, in diretta via web da casa tua, giovedì 18 Giugno 2009 ore 21.00.

Un evento gratuito dove si parlerà di controinformazione, libertà di cura, medicine alternative, integratori alimentari, OGM, interessi economici legati all'industria farmaceutica e alla malattia...

Il nuovo Codice Alimentare, il "Codex Alimentarius" è stato definito "il più grande disastro per la salute umana... scopri quello che c'è di vero in questa affermazione!

Prenotandoti hai la possibilità di fare a Sepp una domanda che potrà essere scelta dagli intervistatori e alla quale risponderà in diretta!

Clicca qui per partecipare e/o scaricare GRATIS la registrazione mp3
http://www.ifeelgood.it/teletraining_LEVA_ARCHIMEDE_S.htm


  • Currently 4.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.3/5 (3 votes cast)
Share |

Invito a cena con Omega 6

| | Commenti (0)

Invito a cena con Omega 6

di Agnese Codignola
Fonte: L'Espresso, La Repubblica

Secondo l'American Heart Association, per mantenere cuore e cervello in salute, è necessaria l'introduzione nella nostra dieta anche di acidi grassi Omega 6

Omega 3 e, soprattutto, Omega 6. Questo bisogna aggiungere alla dieta di tutti i giorni per mantenere cuore, vasi e cervello in salute. Lo dice l'American Heart Association, che in un articolo pubblicato su 'Circulation' sollecita l'introduzione nella nostra dieta anche di acidi grassi Omega 6: una grande metanalisi ha mostrato che chi consuma abitualmente Omega 6 ha una diminuzione del rischio cardiovascolare del 24 per cento.

E le prove si accumulano: studi osservazionali indicano infatti che chi assume abitualmente Omega 6 ha in genere un rischio cardiovascolare più basso; altre indagini dimostrano che chi è colpito da infarto ha in media una concentrazione sanguigna di Omega 6 molto più bassa di quella di persone simili per età e condizioni ma che non hanno avuto un attacco cardiaco; studi controllati, nei quali viene assegnata una dieta ricca o povera di Omega 6, confermano l'efficacia protettiva.


  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3/5 (2 votes cast)
Share |

Sanità e Moneta Pubblica

I Soggetti, le associazioni, le organizzazioni, le sezioni culturali, le redazioni, i gruppi operativi, desiderosi di conseguire il bene comune, in campo economico e sociale attraverso l’azione, la formazione e l’informazione, sono invitati a partecipare al

convegno organizzativo

Domenica 7 giugno ore 10,30

Hotel Punta Nord di Rimini
Via Tolemaide, 4 – Torre Pedrera di Rimini (RN) – Tel. 0541 720227
Uscita Autostrada Rimini Nord


  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (1 votes cast)
Share |
Artificial Sweetener - Equal

Image by Bukowsky18 via Flickr

UNO STUDIO DELL'NCI (NATIONAL CANCER INSTITUTE) COLLEGA L'ASPARTAME ALLA LEUCEMIA/LINFOMA

Il 20 aprile l'EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare) loda l'aspartame contenente formaldeide

Il 14 maggio l'NCI sostiene lo studio che collega la formaldeide alla leucemia o linfoma

Da Mission Possible International

Il 20 aprile 2009 l'EFSA ha anunciato: ..."sulla base delle prove attualmente disponibili, tra cui il secondo studio pubblicato dall'ERF (Fondazione per la ricerca sull'epilessia), non c'è niente che faccia pensare ai possibili effetti genotossici o cancerogeni dell'aspartame e non c'è alcun motivo di rivedere l'ADI (consumo giornaliero consigliato) di aspartame pari a 40 mg/Kg al giorno". In realtà l'aspartame è un additivo eccitoneurotossico, geneticamente costruito, cancerogeno che interagisce praticamente con tutti i medicinali.

L'EFSA è talmente accecata dalla fedeltà agli interessi commerciali da inventare obiezioni contro la ricerca medica acclamata, ignorando le vite sofferenti e rovinate; la sua cupidigia porta alla morte un intero continente.

Nel 2005 la rinomata Fondazione Ramazzini di Oncologia e Scienze Ambientali ha portato avanti per tre anni uno studio rigoroso su 1800 ratti, concludendo che: l'aspartame provoca aumenti significativi di linfomi/leucemie ed è un multipotenziale cancerogeno. L'EFSA ha inventato delle "carenze" nello studio allo scopo di proteggere i produttori di veleno contro gli animali.

Il secondo studio svolto dall'ERF nel 2007 ha confermato del tutto il primo. Il dottor Morando Soffritti, che ha condotto entrambi i progetti, ha fatto notare che la quantità di formaldeide sviluppata nei ratti esposti ad aspartame ha fatto diventare la loro pelle gialla.

Chi è in realtà l'Autorità europea per la sicurezza alimentare? Nel 2002 un articolo sull'aspartame realizzato dal Comitato scientifico della Commissione europea sull'alimentazione ha cercato di far passare come sicuro questo farmaco che crea dipendenza letale. Un'affermazione fatta dall'Agenzia europea anti-frode (OLAF) ha rivelato che questo parere è stato scritto da una singola persona e non dall'intero Comitato scientifico sull'alimentazione. L'OLAF non ha rivelato il nome di questo individuo né tantomeno la competenza tecnica o il conflitto di interessi da lui/lei posseduti.

NOTA di La Leva:
Spulciando tra le cosiddette "dichiarazioni di indipendenza" sul sito dell'EFSA abbiamo trovato la dichiarazione di un certo PARENT-MASSIN Dominique, membro del comitato degli additivi alimentari (ANS) dell'EFSA, indovinate un po'... Il Sig. MASSIN è anche membro del comitato scientifico della AJINOMOTO, società produttrice dell'aspartame. Inoltre, dichiara di essere stato nel 2006 il relatore della valutazione sull'aspartame. Eppure, l'EFSA assicura l'assenza di conflitto d'interessi.(!!!) Che sia lui l'uomo senza nome?!


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (13 votes cast)
Share |

L'influenza piace a Big Pharma
di Daniela Condorelli

Fonte: Espresso (La Repubblica)

L'allarme febbre suina è l'ultimo abbaglio dell'Organizzazione mondiale della sanità. I cui proclami spaventano il mondo. Per la gioia dei farmaceutici

Immagine al microscopio del virus A/H1N1 Livello 5. Cinque su sei: un passo dal baratro, quindi. L'allarme febbre suina viene gridato ai quattro venti dall'Organizzazione mondiale della sanità. E la gente si spaventa. Ovvio, no? Quando a gridare più forte di tutti è la massima autorità mondiale, non si può poi pretendere che l'opinione pubblica non si allarmi. Invece, ecco qui un virus blando, pericoloso sulla carta ma di fatto attutito. Ecco un'epidemia che non è uscita dal Messico come terreno di espansione (tutti i casi a oggi riguardano persone che hanno transitato nel paese centramericano). Ed ecco una gran brutta figura, fatta in prima persona dal colosso di Ginevra che resta al palo, col suo livello 5. E la febbre messicana rivela impietosamente che una o due cose che sono successe a Ginevra negli ultimi vent'anni hanno messo in pericolo la credibilità dell'organizzazione chiamata a vigilare nientemeno che sulla salute del mondo, e che ha conosciuto il suo massimo splendore negli anni Settanta, con le battaglie vinte contro poliomielite e vaiolo.

Poi a poco a poco, la perdita di credibilità. Fino alla vergogna dell'affaire aviaria quando l'Indonesia ha sbattuto le porte in faccia all'Oms, accusandola di aver ceduto alla farmaceutica australiana Csl i frammenti del virus influenzale, grazie ai quali l'industria avrebbe prodotto e brevettato un vaccino contro la temuta influenza. Oltre al danno la beffa: la farmaceutica in questione avrebbe proposto al governo indonesiano di pagare per avere il vaccino. E l'Indonesia si è così accorta che nessuno le aveva chiesto il permesso di utilizzare il 'suo' virus. Una palese violazione alle regole di cui la stessa organizzazione mondiale si era dotata. E non sarebbe stata l'unica: esiste una lunga lista di brevetti ottenuti da ceppi virali isolati in Vietnam, Cina e Hong Kong. Tutti con il beneplacito dei fornitori dei virus? Che gli uffici regionali e la stessa sede ginevrina traffichino con le case farmaceutiche non è più solo un'illazione.


  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.4/5 (5 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.