VIOXX - Australia, danni da antinfiammatorio: la Merck deve risarcire

SYDNEY (5 marzo) - La corte federale australiana ha stabilito che il farmaco contro l'artrite Vioxx ha effetti dannosi, e raddoppia il rischio di attacchi cardiaci nei pazienti. La società farmaceutica Merck dovrà anche pagare un forte risarcimento a chi ha subito le conseguenze degli effetti collaterali del prodotto.

Graeme Peterson, che aveva iniziato una class action contro il gruppo farmaceutico, otterrà un risarcimento pari a 190mila euro, dopo che nel 2003 era stato vittima di un infarto che lo ha reso incapace di riprendere il lavoro. Quanto deliberato stamane dal giudice di Melbourne apre la strada per massicci risarcimenti anche per altri 600 australiani che hanno partecipato alla class action contro la casa farmaceutica.

Il Vioxx era stato definito un farmaco miracoloso perchè non procurava effetti secondari allo stomaco come altri medicinali anti artritici. In Australia è stato utilizzato da 300mila persone prima di venire tolto dal commercio, nel 2004. Nel mondo sono state decine di milioni le persone che l'hanno assunto.

Alla fine del 2004 uno studio pubblicato da The Lancet aveva stabilito che il Vioxx, un antinfiammatorio cox-2 selettivo, provoca infarti e disturbi cardiaci anche se assunto in dosi minime. Merck ha già accettato di pagare oltre tre miliardi di euro ai circa 50mila che l'hanno citata per danni.

Fonte: Il Messaggero


  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3.5/5 (4 votes cast)
Share |

Vaccino influenza A/H1N1: Novartis minaccia la Francia

Fonte: Saluteme

Alla casa farmacuetica svizzera Novartis non è andata proprio giù la decisione del governo francese di disdire 7 milioni di dosi di vaccino che aveva ordinato contro l'influenza A (H1N1) e di cui una parte era già stata prodotta. "Il governo francese non ha rispettato i propri impegni", ha detto al quotidiano Le Monde, Daniel Vasella, l'amministratore delegato di Novartis. E ha aggiunto: "Alla prossima pandemia - perché ci sarà una nuova pandemia - serviremo prioritariamente gli Stati 'affidabili'".

L'eurodeputata verde di Europe Ecologie, Michele Rivasi, ha chiesto che venga istituita una comissione d'inchiesta parlamentare sulla gestione da parte dell'Unione europea della pandemia dell'influenza A.

Un'inchiesta del quotidiano francese Le Parisien, giorni fa ha parlato di "relazioni di interesse tra sei esperti dell'Oms e alcune case farmaceutiche". Nei giorni scorsi, anche la stessa Oms ha ammesso davanti all'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa (Apce), l'organismo di 47 Stati membri con sede a Strasburgo, di essere stata influenzata dai laboratori farmaceutici quando ha dichiarato lo stato di pandemia per il virus dell'H1N1.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (6 votes cast)
Share |

FALSI ALLARMISIMI: LE MEDICINE NATURALI HANNO UN PROFILO DI SICUREZZA ECCELLENTE

COMUNICATO STAMPA 24/02/2010

È polemica sui farmaci naturali. Pronta la replica dei medici alla campagna informativa dell'ISS: "Come per tutti i farmaci, è giusto preoccuparsi per l'uso improprio, ma l'incidenza degli effetti avversi per l'uso di farmaci biologici è ridicola. L'Istituto Superiore di Sanità si concentri - piuttosto - sui morti per farmaci allopatici"

Sono di ieri i primi lanci d'agenzia sulla nuova campagna dell'ISS per la sicurezza dei prodotti della medicina naturale, promossa dal Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute dell'Istituto Superiore di Sanità, che invita la cittadinanza a grande prudenza verso i farmaci naturali e di origine biologica. Sarebbero 400 gli effetti avversi registrati in 8 anni (dal 2002 al 2009 inclusi, ndr), di cui 3 mortali. A distanza di poche ore, è una vera e propria levata di scudi da parte dei medici del settore biologico-naturale.

"Sono addolorato per quei pazienti che hanno utilizzato prodotti naturali e hanno accusato effetti avversi gravi, ma sono anche veramente stupito per questa campagna allarmista dell'ISS", commenta il Prof. Leonello Milani, medico, Vice Presidente dell'AIOT, l'Associazione Italiana di Omotossicologia che riunisce 4500 medici italiani iscritti ai rispettivi Ordini dei medici e che prescrivono ogni giorno anche medicine non convenzionali e complementari, e Vice Presidente dell'Accademia Internazionale di Medicina Fisiologica di Regolazione. "Anche perchè - prosegue Milani - sono moltissimi ogni giorno gli italiani in ospedale per gli effetti collaterali da farmaci allopatici e di sintesi chimica. La fonte è autorevole: lo ha dichiarato lo stesso Silvio Garattini, che oggi attacca indistintamente le medicine naturali per 400 effetti avversi in 8 anni (dichiarazione del prof. Garattini al Forum Salute Oggi presso l'Università Statale di Milano, fonte Doctor News 21/03/2006, ndr). Garattini fa spesso giusti appelli al buon senso, denunciando la tendenza a cedere a una mentalità farmacocentrica che fa dimenticare quanto sia importante prevenire le malattie attraverso l'adozione di buone abitudini di vita. Ebbene, i medicinali omeopatici e omotossicologici - che sono farmaci a tutti gli effetti secondo la Direttiva Europea in materia - servono proprio a questo, a fare una corretta prevenzione - conclude Milani - ed il loro uso dovrebbe, quindi, essere promosso dall'ISS, e non censurato con campagne approssimative come questa che fa di ogni erba un fascio, senza i doverosi distinguo".


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (5 votes cast)
Share |

Influenza A, il ministero della Salute ritira i vaccini

FONTE: www.ilsalvagente.it/

Successo "anticipato" della Class action promossa dal Codacons.

Segna un parziale successo la class action avviata dal Codacons contro lo spreco di soldi pubblici per l’acquisto dei vaccini anti-influenza A rimasti in gran parte inutilizzati.
Con una circolare del 12 febbraio scorso, infatti, la Direzione generale prevenzione e sanità del ministero della Salute ha invitato le Regioni a ritirare le dosi di vaccino non utilizzate. Dosi che, secondo le prime indiscrezioni, saranno destinate in parte all’Oms e in parte ai paesi più poveri.

Presentata una class action il 15 gennaio

"Proprio sulla questione dei vaccini acquistati e rimasti inutilizzati, lo scorso 15 gennaio avevamo presentato una class action contro il ministero della Salute e ministero dell’Economia, chiedendo non solo di risolvere il contratto con le industrie farmaceutiche relativo alla fornitura di vaccini, ma anche un risarcimento in favore degli utenti del Servizio sanitario nazionale per lo spreco immane di soldi pubblici" spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi.

Chiesto un risarcimento di 3 miliardi di euro

Proprio sulla richiesta di risarcimento - per un importo pari a 3 miliardi di euro - si attende a breve la decisione del Tar del Lazio, tribunale cui l’associazione si è rivolta nell’interesse degli utenti.E’ ancora possibile aderire all’azione del Codacons: basta seguire le istruzioni presenti sul sito codacons.it.

Ultimo aggiornamento: 22/02/10


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (5 votes cast)
Share |

Fluoro, pericolosità fluoro: rischiano soprattutto i bambini
Attenzione ai dentrifici al fluoro: il Codacons lancia un allarme.

Questa associazione di consumatori, infatti, ha chiesto all’Istituto Superiore di Sanità, lo scorso Ottobre, di avere un resoconto esaustivo su questo argomento, poichè da più parti era giunta voce sulla pericolosità del fluoro contenuto nella maggior parte dei dentifrici che utilizziamo.

I rischi di un eccessivo uso di questa sostanza colpirebbero soprattutto i bambini al di sotto dei sei anni, che potrebbero sviluppare una “fluorosi“.

Certo, le opinioni al riguardo sono contrastanti, se pensiamo che un recente studio effettuato a Londra rileva che i dentifrici che contengono un’alta percentuale di fluoro sono indicati per contrastare la formazione della carie nei bambini più piccoli.

D’altronde era quello che si diceva anche in Italia una ventina di anni fa, quando ai bimbi venivano date le pasticche al fluoro anche a scuola, come metodo per prevenire la carie e rinforzare lo smalto dei denti.

Le conseguenze della fluorosi, del resto, sono documentate.

Si va da una progressiva fragilità ossea ad effetti sulla tiroide, con possibile insorgenza di osteosarcoma.

Sugli effetti nocivi del fluoro occorre quindi fare chiarezza il più presto possibile.

Nel frattempo, limitiamone l’uso, ma in particolar modo teniamo d’occhio i nostri bambini.

a cura di Cristiana Lenoci

Benessere Blog


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (3 votes cast)
Share |

ASPARTAME, UN DOLCIFICANTE "A RISCHIO"

Tomaso Zanoletti, senatore del Pdl, ha presentato un'interrogazione parlamentare. Sotto accusa per la salute in quanto potrebbe essere cancerogeno

ROMA - Provvedimenti a tutela della sicurezza e a garanzia di eventuali rischi per la salute in considerazione della sempre maggiore diffusione del dolcificante artificiale aspartame. Li sollecita Tomaso Zanoletti del Pdl in un'interrogazione presentata al Senato giovedì 4 febbraio. L'aspartame è un dolcificante artificiale a basso contenuto calorico, utilizzato in molte diete e consumato nel mondo da oltre 200 milioni di persone e presente in vari prodotti, fra i quali bevande light, gomme da masticare, dolciumi, caramelle, yogurt, farmaci, in particolare sciroppi e antibiotici per bambini. Il suo potere dolcificante è 200 volte maggiore di quello dello zucchero, motivo per cui ne sono necessarie piccole quantità per dolcificare cibi e bevande. Secondo Zanoletti "sembra provato scientificamente che l'aspartame si trasformi in sottoprodotti pericolosi per i quali non esistono contromisure naturali" e lo stomaco vuoto di una persona a dieta accelera queste conversioni e ne amplifica i danni.


  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (8 votes cast)
Share |

Roma - Il 13 e 14 febbraio 2010 la European Consumers organizza a Roma un convegno sulle energie alternative. Il luogo è la Città dell’altra Economia in Via di Monte Testaccio, 21 (Largo Dino Frisullo), l'ingresso è libero.

img02.jpg

Per altre informazioni e il programma dei due giorni, vedete

http://www.europeanconsumers.it/freeenergy/index.asp


  • Currently 1.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 1.5/5 (2 votes cast)
Share |

  «Quello che mi interessa non è conseguire un vantaggio economico, percepisco già la pensione di invalidità dall'Inps: vorrei solo che si affermasse il principio che gli utenti devono essere informati sui rischi dell'uso prolungato dei telefoni cellulari. Basta sensibilizzarli su alcuni accorgimenti, come i vantaggi nell'uso del viva voce o degli auricolari ». A parlare è Innocente Marcolini, 57 anni, bresciano, ex dirigente aziendale. La Corte d'appello di Brescia gli ha riconosciuto la malattia professionale e un grado di invalidità dell'80% in seguito a un tumore benigno al nervo trigemino (che gli ha causato un intervento e sette anni di cure), riconosciuto dai giudici come conseguenza dell'uso prolungato del telefono cellulare. Apparecchio che Marcolini, per la sua attività lavorativa, usava tutti i giorni, per diverse ore.

In primo grado, il giudice del lavoro aveva dato ragione all'Inail, controparte nella causa, negando la connessione tral'uso del telefonino per scopi lavorativi e l'insorgere del tumore. Ora il dispositivo del giudice d'appello accoglie la tesi di Marcolini e dei suoi consulenti, con le motivazioni che saranno rese note solo tra qualche settimana, al deposito della sentenza.

La patologia denunciata da Marcolini come conseguenza dell'attività lavorativa rientra fra le malattie professionali «non tabellate»per l'Inail,quelle cioè per cui deve essere il lavoratore a provare il nesso di causalità tra la malattia e il lavoro. Così sono ad esempio le patologie tumorali, la cui origine può essere legata a più fattori, come, ad esempio, la predisposizione genetica.


  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3.5/5 (2 votes cast)
Share |



IL CASO - IL PRESIDENTE ONORARIO DEL FONDO PER L'AMBIENTE
«Pericolosi e dannosi
Perché è stato deciso lo stop sugli Ogm»
Crespi: al governo il dossier sugli effetti per gli animali

Fonte: Il Corriere della sera

ROMA -- Ne ha per tutti, Giulia Maria Crespi. Per le multinazionali, «più potenti dei petrolieri» che con gli organismi geneticamente modificati «stanno corrompendo il mondo». Per Luca Zaia, ministro di un'agricoltura «al collasso ». E per la Chiesa, che starebbe diventando, secondo il presidente onorario del Fondo per l'ambiente italiano, il cavallo di Troia dei terribili Ogm. Però Zaia li ha fermati.

Non è contenta?
«Già. Nessuno ha detto il vero motivo per cui l'ha fatto».

Lei lo sa?
«Certamente. Perché lo stesso giorno in cui doveva essere ratificato l'accordo con le Regioni che avrebbe dovuto diventare operativo da domani 28 gennaio la Monsanto, una delle grandi multinazionali che producono gli Ogm, è stata costretta a pubblicare un dossier riservato da cui risultava che animali nutriti con mais geneticamente modificato avevano subìto gravi danni al fegato e ai reni. Ecco la verità».

Resta il fatto che gli Ogm in Italia sono fermi, al contrario di quanto sembra accadere in Europa.
«Resta il fatto che l'agricoltura italiana è al completo collasso. E agricoltura vuol dire turismo, occupazione, difesa idrogeologica. Diciamolo: finora Zaia è stato un disastro. Si cura soltanto di prendere il posto di Giancarlo Galan. Non si è minimamente occupato di aiutare le aziende agricole».

Come, come?
«Senta, l'unica cosa che ha fatto è stato aumentare le quote latte, facendo un favore ai suoi leghisti».

Questo non è aiutare le aziende?
«Bell'aiuto. Così anche i Paesi europei hanno preteso di aumentarle e ora più che mai c'è un dramma italiano, perché la concorrenza produce a minor costo. Infatti in Italia si stanno chiudendo stalle a più non posso. Me lo ha detto Zaia quando è venuto a trovarmi, con due auto blu e la scorta della Forestale. Lui è molto gentile, simpatico, un conoscitore dell'arte. Ma mi pare che i politici non si rendano conto della situazione».


  • Currently 4.6/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.6/5 (10 votes cast)
Share |

Ad un certo punto ognuno di noi l'ha sicuramente intuito, ognuno di noi ha pensato che il virus della "suina" fosse una "truffa" organizzata a tavolino.

Ora c'è l'ufficialità. L'influenza A? Una falsa pandemia orchestrata per fare miliardi con i vaccini. La conferma arriva dal presidente della Commissione Sanità del Consiglio d'Europa. Wodarg, ha accusato le industrie farmaceutiche di aver influenzato l'Organizzazione Mondiale della Sanità affinché dichiarasse la pandemia. Tutto ciò per far comprare ai governi di tutto il mondo i vaccini.

L'influenza A, non solo era una "falsa pandemia" ma è stata orchestrata dalle case farmaceutiche per fare miliardi con la vendita di medicine e vaccini. Quindi un allarme ingigantito dalle stesse case farmaceutiche. Il Consiglio d'Europa adesso chiede un'inchiesta sul ruolo delle case farmaceutiche nel creare l'allarme "suina". Sono milioni le dosi di vaccino inutilizzate e di conseguenza affari d'oro per la "Big Pharma". Wodarg ha chiesto un'indagine accurata in merito, secondo lui le industrie farmaceutiche, oltre ad avere influenzato la decisione dell'Organizzazione di dichiarare la pandemia, hanno anche infiltrato i propri uomini nell'Organizzazione. Risultato: le multinazionali del farmaco hanno accumulato "enormi guadagni" senza alcun rischio finanziario, mentre i governi di tutto il mondo hanno speso milioni di dollari/euro nell'acquisto di vaccini per un'infezione che in realtà era molto meno


  • Currently 4.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.9/5 (10 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.