La verità taciuta sul cancro

| | Commenti (0)

La verità taciuta sul cancro di Lawrence Broxmeyer, MD

Apparso su Nexus New Times n. 85 (Parte 1) e n. 86 (Parte 2)

Un tempo l'establishment medico statunitense accettava la causa microbica del cancro, ma nel 1910 fece dietrofront e da allora rifiutò di accettare la validità di studi scientifici che dimostravano l'esistenza di un germe del cancro.

nexus85.jpg

Il termine "cancro" è di derivazione latina e significa "granchio". Al giorno d'oggi la "cura" del cancro è una fiorente industria. Al volgere del ventesimo secolo la classe medica era giunta alla conclusione che la questione non era stabilire se la causa fosse o meno una malattia infettiva, ma di quale fra le possibili patologie di tal genere si trattasse. Da oltre due secoli si scopriva e riscopriva, definiva e ridefiniva un germe del cancro; ogni scienziato accresceva le conoscenze, ma senza costrutto. Poi, nel 1910, determinate autorità mediche statunitensi effettuarono una piroetta di 180 gradi, stabilendo che il cancro non era provocato da un microbo e che chiunque la pensasse diversamente era un eretico, un ciarlatano o un impostore.

La D.ssa Virginia Wuerthele-Caspe Livingston e la sua rete non rientravano in suddetta schiera; le loro meticolose ricerche e pubblicazioni riviste dai pari erano all'apice della tecnologia statunitense postbellica. Il Dr. Dean Burk, co-fondatore del National Cancer Institute statunitense nonché capo, per 34 anni, dell'annesso dipartimento di chimica della cellula, è giunto ad affermare che il germe del cancro della D.ssa Livingston era reale e certo quanto qualsiasi cosa nota nell'ambito del cancro. Il ricercatore Dr. Alan Cantwell, Jr, è cresciuto nella convinzione secondo cui si presumeva che tutti i germi responsabili di patologie rilevanti fossero già stati scoperti. Tuttavia, con suo grande sgomento, ha scoperto che uno era stato tralasciato: il germe del cancro. Cantwell sapeva che Livingston era già stata stigmatizzata dall'ortodossia medica per aver scoperto il germe del cancro - quindi quella che egli riteneva forse la più importante scoperta del ventesimo secolo rimaneva ampiamente screditata.

La sorprendente analogia fra cancro e tubercolosi (TB) venne rilevata molto prima che fosse scoperto il bacillo della tubercolosi. Nel 1877, Sir John Simon fece notare la somiglianza e di fatto portò con forza argomenti a favore dell'origine microbica micobatterica del cancro. Da allora, migliaia di articoli e documenti hanno indicato variazioni maligne per derivare l'infezione tubercolare. Tuttavia la rivalsa di Sir John avrebbe dovuto attendere il germe di Livingston che, quantunque simile alla tubercolosi, non era tale ma una forma atipica di questo micobatterio, formato dal micobatterio e altri Attinomicetali correlati. Se la scienza medica e le autorità costituite avessero destinato a indagare e distruggere il germe della D.ssa Livingston altrettanto tempo di quello dedicato ad attaccare lei e i suoi colleghi, oggi il cancro sarebbe curabile.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (5 votes cast)
Share |

Le lobbies del cancro

| | Commenti (0)

Le lobbies del cancro

Fonte: ISDE Italia Network

E' universalmente noto, del resto, come le lobby e le stesse istituzioni (ampiamente finanziate) che coordinano la "lotta al cancro" siano controllate, come denunciato per decenni da illustri scienziati e ricercatori come Tomatis ed Epstein, dalle stesse industrie chimiche che producono le (costosissime) terapie antineoplastiche e la gran parte degli inquinanti cancerogeni[1] E numerosi ricercatori hanno raccontato come, fin da quando Rachel Carson lanciò, per prima, l'allarme sulle sostanze chimiche di sintesi come causa di gravi rischi a lungo termine per la salute umana, l'industria chimica abbia difeso i suoi prodotti, attaccando la credibilità degli scienziati che segnalavano effetti nocivi: una strategia ben precisa che ha comportato il reclutamento di esperti e consulenti, lautamente remunerati, disposti a mettere in campo controanalisi in grado di contestare i risultati e minimizzare i potenziali rischi per la salute umana delle sostanze chimiche esaminate [2]


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (5 votes cast)
Share |

di MARINELLA LEO*

Fonte: http://www.dmi.unipg.it/~mamone/sci-dem/contri/leo.htm

Vaccinazioni, ricerca scientifica e diritto alla salute

Introduzione

La storia delle vaccinazioni è costellata di inverosimiglianze ed inganni. Da quando Jenner volle "vaccinare" invece di "vaiolizzare", fino alla ricerca attuale di un vaccino contro l'AIDS, tutto si fonda sul condizionamento delle menti.

La nostra società accoglie favorevolmente i vaccini. Noi siamo diventati dei consumatori dipendenti, sempre desiderosi di averne di più. Le case farmaceutiche multinazionali l'hanno capito bene e alimentano questa dipendenza. Ciò che i mass media pensano del vaccino rispecchia anche la concezione che hanno della malattia, del ruolo del medico e di ciò che significa farsi carico della propria salute a livello individuale e collettivo. Il vaccino evita che ciascuno si responsabilizzi e s'impegni in prima persona.

Le prime vaccinazioni avvennero quando ancora non si sapeva quasi nulla di microbi, di virus e di sistema immunitario. Benché fondata su conoscenze insufficienti, la vaccinazione fu velocemente promossa al rango di pratica medica generalizzata, di routine che non verrà più messa in discussione, divenendo così sempre più simile a un dogma che a una scienza in evoluzione - perché in effetti più vicina alla fede che alla scienza.

Questa pratica è stata imposta al mondo intero per mezzo di campagne vaccinali messa in atto da sostenitori convinti di aver trovato in questa pratica una panacea, ed è stata imposta al mondo intero per mezzo di campagne vaccinali, calendari vaccinali, estesi programmi di vaccinazione, leggi sull'obbligo vaccinale ecc.

È diventata un'ideologia per la quale dobbiamo essere pronti ad "immolare" un piccolo numero di individui al fine di salvaguardare la comunità.

L'avventura della vaccinazione è cominciata alla fine del 18° secolo quando il medico inglese Edward Jenner, per proteggere gli uomini dal vaiolo, pensò di inoculare in essi il vaiolo bovino, malattia specifica dei bovini ma ritenuta 'simile' al vaiolo umano.

Il successo che questo metodo conobbe, in particolare fra le classi agiate presso le quali fu magnificato da alcuni luminari, ha mascherato la realtà dei fatti, così come la viva opposizione che questa pratica aveva generato fin dall'inizio.

Cosa fece Jenner? Semplicemente sostituì il pus vaioloso che si trasmetteva da un braccio all'altro tramite la variolizzazione, con del pus prelevato dalle mucche. In seguito questo pus è stato sottoposto ad alcuni processi di purificazione, ma quel primo vaccino era totalmente artigianale ed empirico e fu somministrato tale e quale a migliaia di persone in tutto il mondo.

Si aprì così la via ad una contaminazione più complessa e subdola. Infatti era la prima volta che si introduceva scientemente e direttamente nel corpo umano un elemento di un'altra specie, cioè del DNA, dei geni provenienti da un animale e, per di più, da un animale ammalato.

Noi rischiamo d'altronde di non poter misurare le conseguenze di questo avvenimento se non tra diverse decine o centinaia di anni. L'uomo, alla fine del 18° secolo, diede il via allo sconvolgimento dell'ecosistema facilitando il passaggio di microrganismi da una specie ad un'altra. La barriera tra specie e specie era stata oltrepassata: cominciava "l'animalizzazione" dell'uomo o "la minotaurizzazione della specie umana", secondo i termini usati da Pierre Darmond nella sua opera La Longue Traque de la Variole (Editions Perrin, 1986). Questo aspetto della vaccinazione sfugge spesso alla considerazione.

L'osservazione aveva dimostrato che, generalmente, una volta contratta una malattia infettiva, in seguito non si manifestava più.. Da questo fatto nacque l'idea di inoculare elementi microbici o virali - dei quali si è attenuata la tossicità - al fine di provocare la malattia in forma leggera, ma tale da suscitare una reazione dell'organismo e così da proteggerlo contro un ulteriore attacco, più massiccio, di questa stessa malattia: si parla allora di immunizzazione. L'idea non era priva di fondamento e di interesse. Era necessario però assicurarsi dell'esattezza dei meccanismi in gioco e dell'innocuità del procedimento.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (6 votes cast)
Share |

Saranno tanti i punti da affrontare e i temi su cui confrontarci il prossimo 3 ottobre a Bologna http://www.facebook.com/event.php?eid=130801266968358&ref=ts
Vi prego di condividere e diffondere questo appuntamento, anche se non potrete prendere parte all'evento direttamente. Grazie mille.
Rossella Puccio

Primo tra tutti l'incontro si prefigge di stabilire le linee d'azione e i passaggi per costruire un Centro di Ricerca per Malattie rare.

E' un sogno che da anni perseguiamo e per cui lottiamo. La Terapia C.R.A.P. (Complementare Riducente Antidegenerativa Puccio), lo screening di esami di prevenzione e di controllo, gli studi sulle malattie degenerative e rare (quali cancro, sla, autismo...) elaborate da Giovanni Puccio, sono una realtà già diffusa in gran parte di Italia e del mondo, da oltre 18 anni, sebbene continuiamo a essere osteggiati e zittiti, sebbene si continui a osteggiarne l'ufficializzazione.

Molti sono i casi di guarigione, le lettere inviate al Governo da parte di comitati cittadini che lottano a fianco di Puccio, e le due interrogazioni parlamentari presentate negli anni precedenti e ignorate, nonostante i diversi incontri a cui siamo stati invitati pur di "controllare" la diffusione del nostro lavoro (inutile dire che questi tentativi pur rallentandoci non ci hanno mai fermati).

Ufficializzare la Terapia C.R.A.P. e una Ricerca meno "inquinata", più attenta alle necessità dell'individuo, significa combattere per il diritto alla vita. La società odierna assiste a un diffondersi esponenziale di patologie degenerative che trovano risposta in protocolli massivi, spesso invasivi, che non agiscono sulla causa della malattia, ma sugli effetti, risultando nella maggior parte dei casi insufficienti e dannosi.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (2 votes cast)
Share |

Fonte: Luogocomune.net

Questa intervista non è ancora stata sottotitolata in italiano. Quella che segue è la traduzione completa dell'intervista. ATTENZIONE: negli ultimi due minuti sono state inserite alcune riprese dell'operazione effettuata sulla paziente, una documentarista americana che ha chiesto di filmare la procedura completa di rimozione del proprio tumore.



F.O.: Mi chiamo Frances Oman. mi hanno diagnosticato il cancro per la prima volta intorno al giorno di San Valentino, del 2007.

M.M.: Che tipo di cancro era, e quale fu esattamente la diagnosi?

F.O.: Era un sarcoma aggressivo ai tessuti morbidi, localizzato all'interno della mia coscia sinistra. Avevo sentito il rigonfiamento già da qualche mese, e lo avevo detto al mio medico generico, ma lui mi disse "E' solo la sua immaginazione ... alla sua età è normale che vengano rigonfiamenti, sono solo accumuli di grasso..." Ma io lo tenevo d'occhio, e mi sembrava che crescesse.

La mia osteopata, che mi stava curando l'anca, un giorno mi disse: "Vada immediatamente a fare un ultrasuono".

Io lo feci, e il risultato non piacque a nessuno. Mi hanno mandato da uno specialista all'altro, ...

... e poi sono finita da uno dei migliori oncologi della California. Lui fece una biopsia, e fu allora che ebbi la diagnosi di sarcoma aggressivo dei tessuti morbidi. A quel punto era diventato più o meno così, era come un paio di prugne, diviso in due parti.



  • Currently 4.4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.4/5 (7 votes cast)
Share |

24 Settembre 2010 ore 21 presso
Oratorio San Rocco, ore 21, Via Roma - Gatteo (FC)

Con il partocinio del Comune di Gatteo, Marco Pizzuti presenta:

PANDEMIA CONNECTION

con la partecipazione straordinaria di Jane Burgermeister

evento.jpg

Intervengono:

Alberto Mondini, naturopata
Dott. Franco Verzella, medicina funzionale
Massimo Gallo, Per il Bene Comune, amministratore del
gruppo nazionale per la tutela dei diritti contro le vaccinazioni di massa obbligatorie

modera l'incontro:

Marco Pizzuti, autore del best seller Rivelazioni non autorizzate

Diretta web su www.perilbenecomune.net


  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (4 votes cast)
Share |

Convegno: LA MEDICINA A UNA SVOLTA

| | Commenti (0)

La Scienza incontra lo Spirito
in collaborazione con Nexus Eventi
presenta

medicina-svolta.jpg

LA MEDICINA A UNA SVOLTA

sabato 16 ottobre 2010
dalle 9.00 alle 19.00
Hotel Leonardo da Vinci, Milano

Metodologie diagnostiche e cure innovative, biologiche e non invasive che tengono conto della costituzione dell'essere umano nella sua totalità e sulle quali cade un fragoroso silenzio mediatico. È tempo di affrancarsi dalle "imposizioni farmacologiche" vigenti e poter scegliere liberamente come curarsi prolungando la propria vita a oltranza liberi dai condizionamenti nella piena consapevolezza del proprio essere infinito.

 


  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (4 votes cast)
Share |

In un anno 396 vittime del vaccino

| | Commenti (1)

In un anno 396 vittime del vaccino

Danni alla salute invece di prevenire l'influenza: inchiesta della Procura

RAPHAËL ZANOTTI - TORINO

Fonte: La Stampa

Nel giro di un anno le reazioni violente ai vaccini stagionali contro l’influenza, con danni alla salute dei pazienti, sono più che raddoppiate. Un dato preoccupante che il procuratore vicario di Torino, Raffaele Guariniello, ha deciso di indagare con l’apertura formale di un’inchiesta. La preoccupante statistica è dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, obbligata per legge alla sorveglianza sanitaria. Parla di 161 casi nella stagione 2008-2009 e di ben 396 in quella 2009-2010. Un dato che, in qualche modo, può essere spiegato dalla maggiore attenzione dovuta all’esplodere, nell’anno appena trascorso, della fobia per il virus A/H1N1, ma non solo.


  • Currently 4.2/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.2/5 (5 votes cast)
Share |

La Leva di Archimede va in ferie!


ferie.jpg

ci rivediamo a settembre con l'aggiornamento delle notizie e i preparativi per la fiera.

Vi ricordiamo che potrete trovarci alla fiera SANA di Bologna dal 9 al 12 settembre. Padiglione 14 Stand B13.


sana2010.gif

  • Currently 2.3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 2.3/5 (3 votes cast)
Share |

7 modi segreti con cui ci stanno avvelenando

Articolo tradotto da Ivan Ingrillì
7 Secret Ways We Are Being Poisoned
Activist Post

L'oggettività del metodo scientifico sembra essere stata dirottata dalle corporazioni che spesso pagano gli scienziati e i ricercatori per supportare i loro prodotti, così come i politici che si muovono attraverso la porta girevole tra il settore pubblico e privato. Ancor peggio quando alcune agenzie per la protezione del consumatore sono complici. La fiducia dei consumatori negli studi scientifici e nella supervisione federale è stata violata a favore del profitto in maniera che i prodotti vengano introdotti sul mercato con uno standard di sicurezza molto ridotto. Le sostanze chimiche di sintesi che troviamo quotidianamente nei nostri alimenti, nell'acqua e nel nostro ambiente circostante stanno aumentando dimostrandosi disastrose alla nostra salute mentale e fisica. Potrebbero essere scritti interi volumi - quindi sono stati scritti - sia dagli esperti della medicina ufficiale che alternativa che documentano i giochi di prestigio che hanno raggirato i consumatori e compromesso la nostra salute. Le categorie sottostanti sono da considerare come una approfondita investigazione che vale come esempio per cosa dobbiamo affrontare come specie continuamente bombardata da queste sostanze chimiche.


  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.5/5 (31 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.