Indagine su oltre tremila uomini di scienza in America
Usa, gli scienziati ammettono: "Abbiamo truccato le ricerche"
Piccole scorrettezze etiche per ottenere più finanziamenti

WASHINGTON - Alcuni cambiano i risultati delle ricerche per compiacere gli sponsor. Altri eliminano i dati "sgraditi" per non contraddire studi precedenti. Altri ancora si prendono il merito di scoperte con cui non c'entrano nulla. Piccole scorrettezze, non punite dalla legge federale statunitense, che rischiano però di corrompere l'immagine degli scienziati nell'opinione pubblica americana. Una "cattiva condotta" sempre più diffusa, causata dalla progressiva trasformazione della ricerca scientifica in un business miliardario.

Sono questi i risultati di un'indagine, condotta dalla "Health Partners Research Foundation" di Minneapolis, che rivela il disagio degli scienziati americani. Gli oltre 3 mila questionari, compilati in forma anonima da uomini di scienza di tutta la nazione, mostrano come la ricerca sia sempre più viziata da piccole "scorrettezze etiche", divenute ormai abitudini quotidiane.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Psichiatria: a diagnosi poco attendibili seguono terapie molto discutibili. Con danni permanenti e nessun recupero

La campagna psichiatrica cavalca il dramma famigliare.

Ed è allarme depressione post partum con il caso della madre di Lecco, ma è sconcertante osservare come le più svariate chiavi di lettura tentino di spiegare razionalmente il gesto omicida di una madre verso il proprio figlio.

Eppure se si osserva attentamente in numerosi casi recenti di suicidi ed efferati omicidi, emerge che le persone che hanno commesso tali atti erano sottoposte a trattamenti per disturbi mentali; nella maggior parte dei casi con sostanze psico-farmacologiche con effetti collaterali molto pericolosi: alterazioni del comportamento, dell’umore, aggressività e tendenze suicide od omicide.

Esaminando accuratamente l’intera scena della salute mentale, ciò che si può notare è che le statistiche altisonanti di persone che sarebbero affette da disturbi mentali sarebbero in aumento, così come sarebbero in aumento i disturbi mentali che sono stati catalogati nel DSM IV, il manuale dei disturbi mentali usato per le diagnosi psichiatriche, tant’è che dalla prima edizione nella quale i disturbi erano 112 si è passati a 374 nell’ultima edizione.
Prima si crea il “disturbo” poi gli psicofarmaci per “curarlo”.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

13 giugno 2005 - Campagna No! al Ritalin

Il 13 giugno 2005 la sala Marconi del CNR di Roma ospiterà il convegno "Diversamente vivaci. Il disagio di bambini tra invenzione nosografica e realtà biologica", promosso dall'On. Tiziana Biolghini, Delegata alle Politiche dell'Handicap della Provincia di Roma.

Un decreto ministeriale del 22 luglio 2003 ha inspiegabilmente trasformato il Ritalin da sostanza stupefacente a psicofarmaco prescrivibile a bambini ed adolescenti affetti dalla cosiddetta sindrome Adhd (disturbo da deficit da attenzione e iperattività). Un'anfetamina con oltre 2900 effetti collaterali che crea dipendenza nei soli Stati Uniti a più di 8 milioni di bambini, destinata a curare una malattia sulla cui reale esitenza la comunità scientifica resta divisa.

Il convegno, quindi, affronta un tema drammaticamente attuale e si propone come momento di dibattito e sensibilizzazione sul diritto alla salute dei bambini per favorire una corretta informazione sull'abuso nella somministrazione di psicofarmaci a bambini ed adolescenti.

Saranno presenti: il Presidente della Provincia di Roma Enrico Gasbarra, il Ministro della Salute Francesco Storace, il Ministro della Pubblica Istruzione Letizia Brighetti Moratti, l'On. Augusto Battaglia, l'On. Alfonso Pecoraio Scanio.
Interverranno, inoltre: Luigi Cancrini, psichiatra infantile, Giuseppe Dimito, farmacologo, Enrico Nonnis, psichiatra infantile, Luca Poma Associazione "Giù le mani dai bambini", Fabio Pari, "Genitori Democratici", Leonardo Spina, gelotologo, Presidente della "Federazione Nazionale Ridere per Vivere".
Concluderà l'On. Tiziana Biolghini.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Polemiche per la terapia suggerita dal responsabile della Sanità nella seconda conferenza nazionale in corso sulla malattia
Sudafrica, il ministro propone aglio e limone contro l'Aids
Protestano i sostenitori dei farmaci antiretrovirali
di ANNA MARIA SELINI

DURBAN - E' polemica in Sudafrica, dopo la proposta del ministro della Sanità locale, Manto Tshabalala, di una dieta a base di aglio e limone come rimedio contro l'Aids.

Secondo quanto riportato dalla pagina web della BBC, il ministro avrebbe proposto la singolare terapia durante la seconda conferenza nazionale sudafricana dedicata all'Aids, in corso a Durban, sulla costa orientale del Sudafrica. Immediate le reazioni dei sostenitori dei farmaci antiretrovirali, che avrebbero già chiesto le dimissioni del ministro.

La signora Tshabalala, sosterrebbe infatti, che i medicinali considerati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) l'unico rimedio efficace per frenare la malattia, provocherebbero numerosi e indesiderati effetti collaterali.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Salve a tutti,
Questa è la locandina definitiva della manifestazione del 19 giugno a Roma (il fronte è sotto, ed entrambe le facciate sono in allegato).
Abbiamo aggiunto una sosta al monumento di Giordano Bruno, perché pensiamo che sia un "atto dovuto" verso una grande mente che ha già combattuto prima di noi la stessa battaglia di libertà.

Chiediamo, a chi volesse supportare il progetto localmente, di far stampare e di diffondere la locandina.
(Anche se le persone non potranno partecipare fisicamente alla manifestazione questa prima volta,
sarebbe già molto utile sensibilizzarle a ciò che stiamo facendo).


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Merluzzo al posto degli psicofarmaci

| | Commenti (0)

27 Maggio 2005

Quando si parla di olio di fegato di merluzzo, rimedio terapeutico d’altri tempi, a molti che da bambini lo hanno loro malgrado conosciuto, ma anche a quelli che non ne hanno mai fatto uso, viene in mente qualcosa di sgradevole.
Questo rimedio infatti veniva dato ai bambini ritenuti troppo gracili che lo ingoiavano decisamente controvoglia e che, in tempi moderni è stato sostituito da una vasta gamma di integratori dietetici ritenuti più gradevoli ed efficaci, sembrava destinato ad un non triste declino e invece è stato recentemente riscoperto da alcuni pediatri che, sulla base dei risultati di nuove ricerche scientifiche, hanno scoperto altri benefici derivati dall’uso di questo olio.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Presentato il dossier di Legambiente sulla chimica nel piatto
Leggermente meglio la verdura, ma la situazione resta allarmante
A tavola con i pesticidi metà della frutta è contaminata
La merce più a rischio è l'uva, soprattutto quella d'importazione
"Per difendersi puntare su prodotti di qualità e di stagione"

di VALERIO GUALERZI

Frutta e verdura a rischio pesticidi

ROMA - Altro che mela avvelenata. Se la favola fosse scritta oggi, Biancaneve dalla strega riceverebbe un bel grappolo d'uva. Nulla infatti tra la frutta e la verdura che arriva sulla nostra tavola è inquinato come gli acini, bianchi o rossi che siano. A svelarlo, insieme ad altri dati decisamente allarmanti, è l'inchiesta annuale sui pesticidi presenti nei prodotti ortofrutticoli condotta da Legambiente in collaborazione con il Movimento di difesa del cittadino.

"Metà della frutta commercializzata in Italia è contaminata da uno o più residui di pesticidi, il 2,2% è addirittura fuorilegge", ha spiegato il direttore dell'associazione ambientalista Francesco Ferrante illustrando i risultati dello studio nell'ambito delle iniziative collegata alla manifestazione Park Life in corso a Roma.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Gb, nutriti con la sostanza modificata hanno sviluppato diverse anomalie. E presto dovrebbe essere venduta in Europa
"Si ammalano i topi che mangiano ogm"
Mais biotech, pubblicato studio segreto della Monsanto
Il rapporto, riservato, è arrivato al giornale Independent
dal corrispondente de La Repubblica ENRICO FRANCESCHINI

LONDRA - Nutriti con un mais geneticamente modificato che potrebbe presto entrare in commercio in Europa, topi da laboratorio hanno sviluppato reni più piccoli del normale, una diversa composizione del sangue e altre gravi anomalie fisiche, sollevando timori che anche la salute degli esseri umani potrebbe essere messa a rischio mangiando cibo Ogm. La scoperta non viene dagli oppositori dell'uso della biotecnologia in campo alimentare, bensì da uno dei giganti del settore, la Monsanto, che produce tra l'altro il mais in questione e lo ha somministrato ai topini a scopo sperimentale.

L'azienda non aveva mai reso pubblici i risultati della ricerca, ma un suo rapporto segreto è pervenuto al quotidiano "Independent", che ieri lo ha pubblicato in prima pagina con un titolo accusatorio: "Il cibo Ogm fa male ai topi. Cosa può provocare negli umani? Abbiamo diritto di saperlo".


  • Currently 1/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 1/5 (2 votes cast)
Share |

Convegno Nazionale Bambini e Psicofarmaci: nuova emergenza sanitaria

sabato 28 maggio 2005 ore 8,45

Ospedale San Giovanni Battista “Molinette”

Aula Magna “Achille Dogliotti”

Corso Bramante n° 88 - Torino


“Giù le mani dai bambini” è una Campagna informativa e di sensibilizzazione ideata e sviluppata in Italia anche con il supporto di associazioni estere, finalizzata alla sensibilizzazione del grande pubblico ed alla formazione di insegnanti e genitori e degli stessi ragazzi su di una delicata tematica d’attualità, come quella degli abusi nella somministrazione di psicofarmaci ed anfetamine ai minori ed ai bambini in particolare. La Campagna è patrocinata da RAI – RadioTelevisione Italiana, è senza scopo di lucro, apartitica e non confessionale.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Quel marcio di Padova che inquina l’Italia

16/05/05 La condanna di Alex Orbito e dei volontari dell’associazione la Piramide dell’Asia

Chiederei al lettore di qualsiasi estrazione ideologica di leggere questo breve scritto, prima di formarsi un’opinione in merito.

“L’Italia è in declino”, sembra essere ultimamente il titolo favorito di molti giornali. Secondo la colorazione politica del giornalista, il declino è ascritto a questa o quell’azione politica.

No. Il declino dell’Italia è da imputare ad una minoranza atea e materialista che si è impadronito delle leve del potere, dal giornalismo ai ministeri della salute e della  “giustizia”, per imporre a noi, maggioranza troppo silenziosa, un’ideologia che rallenta l’evoluzione della nazione e che va contro il fiume della Storia.

La più recente prova di questa affermazione è descritta qui.


  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 2.7/5 (3 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.