Nel sangue delle donne incinte e nei cordoni ombelicali dei loro bambini sono presenti sostanze chimiche pericolose che provengono da oggetti che usiamo tutti i giorni. Attraverso il cordone ombelicale questi veleni raggiungono il feto che viene così, suo malgrado, contaminato. Alcuni di questi composti chimici causano problemi nello sviluppo fisico e mentale degli animali e possono essere pericolosi anche per l'uomo.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Organizzato dall'Associazione NuovaMente

Giovedì 15 settembre 2005 ore 21,00

Itis “ Q. Sella “ Via Rosselli 2 - Biella


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Manifestazione per il Dott. Hamer

| | Commenti (0)

ATTENZIONE! A TUTTI I SOCI E SIMPATIZZANTI:

E‚ STATA INDETTA UNA MANIFESTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLA NUOVA MEDICINA GERMANICA®

A HEIDELBERG, Germania, il 15 OTTOBRE 2005

Il Dott. HAMER è stato definitivamente condannato a tre anni! La sua unica colpa è quella di aver scoperto una nuova diagnostica che ci libera dalla paura della malattia, rendendoci liberi e responsabili.
"Grazie al dott. Hamer non ho più paura!"


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Bisogna difendere e rilanciare il modello toscano di cura con la medicina omeopatica e non convenzionale. Questo il messaggio lanciato dal presidente della IV Commissione (sanità), Fabio Roggiolani dei Verdi, assieme alla presidente nazionale della Siomi, la Società italiana di omeopatia e di medicina integrata


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

PILLOLE DELLA FELICITA’: OCCHIO ALLA PROPAGANDA
Gli antidepressivi sono sempre più al centro di polemiche e fatti di cronaca
di Antonio Cipolloni

Sono spesso oggetto di accese discussioni, soprattutto dopo gravi fatti di cronaca. Si tratta delle tanto chiacchierate “pillole della felicità”, molto meglio conosciute come farmaci antidepressivi. L’allarme sulle controindicazioni associate a tali prodotti farmaceutici è ricorrente; un utile strumento di informazione è offerto dal CCDU, il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani. Infatti, chiunque ritiene di aver subito danni causati da trattamenti psichiatrici può mettersi in contatto con il CCDU ed ottenere una chiara spiegazione degli effetti collaterali dei farmaci assunti, sulla base dei dati forniti dal Comitato stesso e sotto riportati.

Gli allarmi da parte degli enti di controllo dei farmaci, sia in Europa che negli Stati Uniti, sugli effetti collaterali degli antidepressivi o "pillole della felicità", sono sempre più frequenti. In Gran Bretagna la questione ha avuto una forte eco e molti medici hanno messo in discussione l'efficacia degli psicofarmaci, portando le prove del fallimento farmacologico nella cura del disagio psichico.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

L'India chiede all'UE di esentare prodotti ayurvedici da restrizioni

Nuova Delhi, 24 Agosto: L'India ha richiesto che l'Unione Europea (UE) escluda i prodotti ayurvedici dalla proposta di direttiva sui medicinali tradizionali a base vegetale. La direttiva, una volta in vigore, permetterebbe solamente quelle medicine naturali che sono stati usati in Europa per gli ultimi 15 anni.

In una lettera al commissario UE per il commercio Peter Mandelson, il ministro indiano del commercio e dell'industria Kamal Nath ha detto che questa direttiva ostacolerebbe il commercio perch� non consentirebbe le medicine ayurvediche, che in India sono state usate per secoli ma che potrebbero non aver trovato applicazione in Europa 15 anni fa. La direttiva sar� attiva dal prossimo mese di ottobre.

Tradotto da un articolo in Financial Express, India


  • Currently 3/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3/5 (2 votes cast)
Share |

Farmaci: Codacons Sostiene Italiani Danneggiati Da Vioxx, Sarebbero 150 Mila
Giovedì 1 Settembre 2005, 14:33

Roma, 1 set. (Adnkronos) - Il Codacons e pronto a sostenere tutti gli italiani che hanno subito danni dalluso del farmaco antidolorifico Vioxx*, prodotto dalla multinazionale Merck. E invita chi lo ha assunto, con conseguenze indesiderate, ad aderire allazione legale, avviata alcuni mesi fa negli Usa da cinque connazionali danneggiati (piu il Codacons), dopo la prima condanna emessa da un tribunale del Texas che ha stabilito la responsabilità dellazienda produttrice, condannandola a risarcire la moglie di un paziente deceduto con circa 250 milioni di dollari. A lanciare lappello ai pazienti il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, in una conferenza stampa a Roma a cui ha partecipato anche lavvocato Kenneth Moll di Chicago, il legale che ha promosso, in collaborazione con il Codacons, la prima Class Action italiana presso la Corte distrettuale federale dellIllinois.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

L'11 settembre 2001 l'America aprì bruscamente gli occhi di fronte a un nuovo tipo di pericolo: il terrorismo. In quel giorno persero la vita 2.996 persone, contando anche i passeggeri a bordo dei quattro aerei di linea usati come armi di distruzione; in molti lo considerano come il momento più tragico della storia degli USA.
Quattro jet di linea si schiantarono quel giorno. Ma cosa succederebbe se SEI jumbo jet esplodessero ogni giorno negli Stati Uniti causando 783.936 morti all'anno? Non si tratterebbe di un'immane tragedia?

Beh, scordatevi pure il "cosa succederebbe se" dato che questa tragedia sta accadendo proprio ora! Più di 750mila persone perdono la vita ogni anno negli USA, ma non in seguito a degli incidenti aerei: essi muoiono a causa di qualcosa di molto più comune e che raramente viene percepito come pericoloso dall‚opinione pubblica: la medicina moderna.

Secondo il pionieristico studio "Death by Medicine" pubblicato nel 2003 dai dottori Gary Null, Carolyn Dean, Martin Feldman, Debora Rasio e Dorothy Smith, 783.936 persone negli Stati Uniti muoiono ogni anno a causa di errori della medicina convenzionale, l'equivalente di 6 incidenti aerei ogni giorno per un anno intero. E che peso danno i media a questa tragedia? Qual'è l'operato del governo per evitare che la medicina moderna commetta questi errori?


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

''Le inesattezze contenute nella risposta del Ministro Storace possono avere solo due spiegazioni: o una estrema superficialità nell'affrontare il tema della salute mentale di bambini ed adolescenti o una cosciente malafede. Per entrambe le ipotesi non posso che restare sconcertata. - lo dichiara Tiziana Valpiana, capogruppo di Rifondazione Comunista in Commissione Affari Sociali e nella Commissione bicamerale per l'infanzia, riferendosi alla risposta del Ministro della Salute all'interrogazione presentata dalla deputata in merito alla somministrazione dello psicofarmaco Ritalin ai bambini - E' possibile che il Ministro non conosca i risultati del ''Progetto Prisma'', avviato e concluso nel 2004, quando afferma che nessun progetto sulla somministrazione di psicofarmaci è mai stato avviato dall'Istituto Superiore di Sanità? - si chiede Valpiana - Si è trattato di un progetto molto criticato sia per la natura dei cofinanziatori privati (legati alle case farmaceutiche) sia per le procedure applicate che hanno portato a ritenere che il 10% dei bambini italiani soffrirebbe di disturbi del comportamento e turbe mentali.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Bruxelles, 1 Agosto 2005 - E' l'ora della verita' per le vitamine. Ce lo ricorda La Repubblica con un articolo dal titolo "Vitamine, ecco le nuove regole - dall'Ue una lista per evitare danni". Pero' il giornale non ha fatto ricerche approfondite. Altrimenti avrebbe scritto che le stesse vitamine e minerali che abbiamo trovato fino a ieri li troviamo ancora oggi e li troveremo pure domani. Non avrebbe detto neanche che questa lista era necessaria "per evitare danni". Quali danni, se le vitamine e minerali gia' per decenni sono la categoria di prodotti piu' sicuri che si trovano in commercio? Lo dicono le statistiche messe insieme da Ron Law, esperto nuovozelandese, e pubblicate sul sito de La Leva (vedi qui e qui).

La lista, alla quale si riferisce La Repubblica limita si' le sostanze fonti di vitamine e minerali impiegate negli integratori, ma e' soggetto a deroghe nazionali. La deroga italiana l'ha firmata l'allora ministro della salute Sirchia il 17 Febbraio 2005. Simili deroghe sono state attuate in quasi tutti gli stati membri della Comunita' europea. Si parla di piu' di 500 fonti vitaminiche e minerali che sono state cosi' "salvate", almeno fino al 2009.

Gruppi di consumatori, rivenditori, naturopati e ditte produttrici si erano rivolti alla Corte europea a Lussemburgo per fare chiarezza sulle restrizioni introdotte con la direttiva europea. Mentre la Corte ha confermato la validita' della direttiva nel suo insieme, l'ANH - Alliance for Natural Health, fa festa lo stesso, cantando vittoria. L'ANH dice che la decisione ha portato un forte raggio di luce in quello che l'avvocato generale della Corte aveva, in aprile, definito una procedura "con la trasparenza di una scatola nera".

La Corte infatti ha chiarito nella sua decisione del 12 luglio scorso alcuni punti importanti:

- La presenza di vitamine e minerali che naturalmente sono presenti in certi frutti o vegetali, anche se concentrati, non viene toccato dalla direttiva - se ne parlera' in un secondo tempo;

- La procedura per aggiungere sostanze "fonti di vitamine e minerali" all'elenco della direttiva deve essere semplice, accessibile e le decisioni, da dare in tempi ragionevolmente brevi, sono soggette a verifica giuridica;

- Criteri per aggiungere una sostanza all'elenco della direttiva sono la biodisponibilita' e la innocuita' di una sostanza.

- Le autorita' sanitarie non possono vietare l'impiego di una sustanza (fonte vitaminica) da utilizzare negli integratori se non sulla scorta di una valutazione accurata degli ultimi dati scientifici.

L'ANH si rallegra per questi chiarimenti. Anche noi crediamo che i consumatori in Italia possono stare piu' tranquilli. La probabilita' di trovarci da oggi a domani a non avere piu' alcuni degli integratori che stiamo adoperando da sempre, si e' allontanata di piu'. Non e' ancora tutto liscio, rimane la questione spinosa dei dosaggi massimi, da discutere l'anno prossimo.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.