NUOVO ALLERTA SUGLI EFFETTI FATALI DEI FARMACI PER ADHD

Fonte: CCDU

lunedì 26 febbraio 2007
Dopo che per decenni gli psichiatri ci hanno rassicurato sulla sicurezza ed efficacia degli stimolanti usati per l’ADHD, l’agenzia americana del farmaco (FDA – Food and Drug Administration) ha annunciato il 21 febbraio che i produttori di farmaci per ADHD devono allertare il pubblico sui seri problemi psichiatrici e cardiovascolari che questi farmaci possono causare, incluso mania, attacco cardiaco, ictus e morte improvvisa.
Considerando che negli Stati Uniti i farmaci per ADHD hanno creato profitti per 3 miliardi di dollari nel solo 2005, non meraviglia che l’Associazione Psichiatrica Americana (APA) continua a criticare chiunque osi denunciare i rischi legati al loro uso ed a travisare la loro sicurezza ed efficacia:

- L’APA ha ripetutamente detto che i farmaci per ADHD sono “sicuri ed efficaci” e causano “effetti secondari minimi” – una posizione dichiarata sul loro sito web.

- Il presidente dell’APA Steven Sharfstein ha dichiarato che le preoccupazioni espresse dal cardiologo Dott. Steven Nissen e dal professore di scienze mediche Curt Furberg circa gli effetti a livello cardiovascolari dei farmaci per ADHD non sono “sostenuti da evidenze certe”.

- David Fassler, psichiatra infantile e amministratore dell’APA ha dichiarato che i farmaci per ADHD sono “sicuri e ben tollerati”.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Stop al mercurio - Firma la petizione

| | Commenti (1)

Stop al mercurio
Fonte:
http://www.legambiente.com/

È partita la versione italiana della campagna europea Zero Mercury a cura dell'Eeb (European environmental bureau) per sensibilizzare l'opinione pubblica, la politica, le aziende e i lavoratori sui gravissimi rischi, anche sanitari, che comporta la dispersione nell'ambiente del mercurio. Da anni L'obiettivo di Legambiente è la riconversione degli impianti cloro-soda a tecnologia più pulita e lo smaltimento in sicurezza del mercurio in surplus.

Grazie anche alle battaglie fatte dalla nostra associazione la gran parte delle principali aree industriali italiane sono state inserite nel "Programma nazionale di bonifica" del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, che ad oggi conta 50 siti inquinati su cui intervenire.
Oggi l'azione di Legambiente è volta al monitoraggio dello stato di avanzamento delle operazioni di bonifica, alla riconversione dei cicli produttivi più inquinanti o alla chiusura di quelli più obsoleti e non ristrutturabili. Tra gli impianti da riconvertire a tecnologia più ecosostenibile ci sono ovviamente gli impianti cloro-soda con celle al mercurio.


  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 2.7/5 (3 votes cast)
Share |

BEVANDE A BASE DI COLA INDEBOLISCONO LE OSSA
edm - 22/02/2007 - 16:07

Se siete donne, e avete una voglia irrefrenabile di bere, è meglio un bicchiere di latte, rispetto alle bibite gassate, specie quelle a base di cola. Uno studio effettuato dal Framingham Osteoporosis Study della Tuft University, su un campione di 2500 donne con età media 60 anni, ha infatti rilevato che un consumo eccessivo di questo tipo di bevande provoca, nel tempo, un effetto negativo sulle ossa. Esaminando la densità ossea i ricercatori hanno infatti scoperto che le donne che bevevano giornalmente bevande gassate presentavano una densità ossea inferiore del 4% rispetto a quelle che ne facevano uso solo occasionalmente, mentre non si ha lo stesso effetto negativo sugli uomini.
"Inizialmente avevamo ipotizzato che l'interferenza sulle ossa fosse causata dall'acido fosforico contenuto nelle bevande - afferma Katherine Tucker, l'autrice dello studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition - ma i dati hanno confermato che si tratta della caffeina: questa, infatti, interferisce con l'assorbimento del calcio e potrebbe rappresentare un problema anche per le giovani donne che così non raggiungono la quantità di osso necessaria e che rappresenta il proprio patrimonio di cui godere.


  • Currently 2.7/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 2.7/5 (3 votes cast)
Share |

Nuttr
Fonte: Rivistaonline.com
http://www.rivistaonline.com/Rivista/ArticoliPrimoPiano.aspx?id=3395


Aspartame, l'amara storia di un dolcificante
di Angelo Pagliaro
23/02/2007

La missione principale della Fondazione Europea di Oncologia e Scienze Ambientali "Bernardino Ramazzini" di Bologna è quella di prevenire il cancro, identificando gli agenti che lo possono causare e studiando nuove strategie di diagnosi precoce e terapie intensive. Per prevenire "il male del secolo" è fondamentale, per gli scienziati del centro, identificare le cause ambientali. Negli anni '70, prima dell'inizio della commercializzazione dell'aspartame, potente dolcificante a basso contenuto calorico ottenuto dall'unione di due amminoacidi, l'acido aspartico e la fenilalanina, con una piccola quantità di metanolo, furono condotti dalle industrie produttrici studi sperimentali di cancerogenicità su ratti e topi. I risultati di questi studi non evidenziarono rischi, anche se qualche dubbio fu sollevato in relazione alla qualità della conduzione degli esperimenti ed al fatto che erano stati rilevati alcuni casi di tumore al cervello tra gli animali trattati con aspartame, e nessuno fra gli animali di controllo.

Considerati i limiti oggettivi degli studi precedentemente svolti e l'interesse mondiale verso questo prodotto la Fondazione "B. Ramazzini", agli inizi degli anni '90, decise di programmare un esperimento che consentisse una valutazione adeguata sui potenziali effetti cancerogeni. Lo studio, condotto senza sponsorizzazioni di multinazionali del settore, è stato programmato su 1800 ratti (900 maschi e 900 femmine) della colonia usata da oltre 30 anni nei laboratori della Fondazione. Il trattamento degli animali è iniziato all'età di otto settimane ed è durato fino alla loro morte naturale. L'aspartame è stato aggiunto alla dieta standard nelle quantità dovute. Di ogni animale deceduto è stata fatta un'autopsia completa ed una valutazione istopatologica, per un totale di oltre 30.000 preparati esaminati al microscopio.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Vitamina C, ha 75 anni e riserva sorprese
Fonte:
ANSA

ROMA - Sono passati 75 anni da quando fu isolata per la prima volta, e 70 da quando 'prese' il Nobel, ma la vitamina C non ha ancora finito di svelare i suoi segreti, anzi. Ogni anno 60 studi e 400 articoli ne scoprono nuovi effetti benefici, che ormai spaziano dalla classica prevenzione delle malattie da raffreddamento alla terapia delle malattie cardiovascolari alle proprietà contro l'anemia e il diabete.

"Della vitamina C conosciamo bene le caratteristiche chimiche, sappiamo come viene assorbita e come si comporta nell'organismo - spiega Michela Barichella, responsabile del Servizio Dietetico dgli Istituti Clinici di Perfezionamento di Milano - ma sulla conoscenza di molte delle sue proprietà terapeutiche i primi studi sono appena apparsi in letteratura, e c'é ancora molto da fare".

Il primo successo di questa piccola molecola fu contro lo scorbuto (da cui il nome scientifico di acido ascorbico dato alla vitamina), una malattia che colpiva soprattutto i marinai che non mangiavano per lunghi periodi frutta e verdura. Il primo test clinico fu condotto nel 1747 da un chirurgo della marina reale inglese, James Lind, su 12 membri dell'equipaggio affetti da scorbuto a cui fece assumere un composto particolare: sidro, acido solforico, aceto, spezie ed erbe, acqua di mare, arance e limoni, individuando nelle ultime due quelle terapeutiche.


  • Currently 4/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4/5 (11 votes cast)
Share |

MonsantoLa Monsanto, multinazionale della chimica da qualche anno anche leader nelle biotecnologie e nella produzione di sementi transgeniche, è accusata di aver scaricato in Inghilterra numerosi rifiuti tossici risultato degli scarti della lavorazione industriale . La multinazionale avrebbe pagato 100 milioni di sterline per seppellire nel Galles del sud rifiuti speciali che hanno contaminato non solo il terreno ma anche tutta la catena alimentare.
In una discarica di Groesfaen, nei pressi di Cardiff, sono stati ritrovati materiali la cui tossicità è acclarata da anni: diossina, policlorobifenili, derivati dell’agente orange, un misto di due erbicidi il 245T e il 24D, che furono usati dai militari statunitensi nella guerra in Vietnam per la distruzione delle foreste. Tutti questi materiali sono stati sepolti in un terreno senza seguire le norme previste per i rifiuti speciali, nonostante il prezzo elevato pagato dall’industria per "infossare" questo materiale.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Fottiti

Fonte: Beppe Grillo

I politici promotori di tumori, nanopolveri e diossine e profitti in Borsa con i soldi delle nostre bollette dell'Enel ci riprovano. Mi è arrivata una vocina: una parte dei nostri dipendenti dell’ Ulivo non voterà lunedì 29 gennaio (insieme ai sodali di AN e Forza Italia) l’emendamento del Governo Prodi che:

- per rispetto delle leggi dell’Unione Europea (2001/77/CE sulle fonti rinnovabili e le norme che vietano aiuti impropri di Stato),
- per rispetto della salute dei cittadini che inalerebbero diossine e nanopolveri cancerogene,

elimina i finanziamenti a inceneritori e fonti assimilate (carbone, raffinerie di scarti petroliferi) per impianti non ancora costruiti, ma che hanno 'autorizzazioni' sulla carta concesse entro il 31 dicembre 2006.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

È Scoppiato il Caso «Zyprexa Uccide»
Fonte: OISM

Anche se con notevole ritardo vi segnaliamo che negli USA è scoppiato il caso «Zyprexa Kills» (lo Zyprexa Uccide)...
Il caso Zyprexa è scoppiato grazie a Jim Gottstein: un avvocato, sopravvissuto alla psichiatria, nonchè fondatore del sito PsychRights. Gottstein ha fornito al New York Times le documentazioni sui gravi effetti collaterali dello psicofarmaco Zyprexa, mantenute segrete dalla Eli Lilly. Il New York Times si è interessata al caso pubblicando articoli sulla questione in 5 edizioni di fila, dal 17 al 21 dicembre, di cui un articolo in prima pagina.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE
LE ULTIME NOVITÀ SUL CASO
ZYPREXA KILLS !

L’Olanzapina, immessa nel mercato nel 1996 con il nome commerciale o Zyprexa , è uno psicofarmaco neurolettico molto utilizzato in psichiatria, spesso spacciato per un farmaco «miracoloso» con pochi effetti collaterali. La verità emersa da questa inchiesta negli USA è che invece causa dei gravissimi effetti collaterali, tra cui l’obesità e l’inalzamento della glicemia, entrambe cause del diabete. Dalle migliaia di documenti occultati dalla Eli Lilly emerge che, la farmaceutica produttrice non solo era consapevole di questi rischi associati allo Zyprexa, ma si adoperò al fine di assicurare l’occultamento di tutte le ricerche compromettenti, al fine di non pregiudicare la commercializzazione di quello che è oggi il farmaco più venduto dalla Eli Lilly, un business che nel solo 2006 ha superato i 4 miliardi di dollari annui. È stimato che 2 milioni di persone al mondo assumono regolarmente lo Zyprexa.


  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3.9/5 (39 votes cast)
Share |

Piemonte: progetto legge regionale contro la somministrazione indiscriminata di psicofarmaci ai bambini
Pubblicato il 11 febbraio 2007

CcduItalia scrive:
"
Il Presidente del Consiglio della Regione Piemonte Avv. Davide Gariglio e il Consigliere Regionale Gianluca Vignale sono i presentatori e firmatari del progetto di legge regionale "Norme in materia di uso di sostanze psicotrope su bambini ed adolescenti"

Il dott. Roberto Cestari Presidente Nazionale del CCDU, ha dichiarato "Dalla ricerca scientifica emergono opinioni sensibilmente contrastanti sulla validità dei "disturbi" infantili relativi al comportamento e all'apprendimento come - ma non solo - il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (ADHD). A causa di tali diagnosi psichiatriche, milioni di bambini in tutto il mondo vengono "trattati" con psicofarmaci dai pericolosi effetti, con una dubbia, e in alcuni casi deleteria, efficacia terapeutica, come testimoniato dai numerosi casi di morte o invalidità che sono sfociate in 39 provvedimenti di legge restrittivi in 25 stati americani e 2 leggi federali restrittive in materia.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

I tedeschi sono fieri della valuta locale
Di Tristana Moore
BBC News, Magdeburg, Germania
Traduzione a cura di: Silvia Rubeo

La prossima volta che ci si avventura fuori per pranzo a Magdeburg, bisogna controllare la valuta degli spiccioli nel portafoglio.

Come qualsiasi altra città in Germania, la valuta in uso qui è l’euro. Ma bizzarramente, c’è anche un’altra valuta in circolazione: la valuta Urstromtaler.

Prima di dubitare della sua esistenza, non è denaro di "Monopolio" – è proprio reale. In una gioielleria al centro della città, Gerfried Kliems ha spiegato come le persone usano questa valuta regionale.

"E’ abbastanza semplice," ha detto. "Il denaro che si spende rimane nella regione. Quando io accetto la valuta Urstromtaler nel mio negozio, poi devo vedere come posso spendere le banconote locali. Si conoscono tutti i partecipanti in questo progetto, ed alla fine della giornata, si ha una sensazione positiva della vita."

Più di 200 attività commerciali stanno usando la valuta regionale, inclusi negozi, panetterie, fiorai e ristoranti. C’ è anche un cinema che accetta la valuta Urstromtaler.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.