Inquinamento e feti malformati

| | Commenti (0)

Inquinamento e feti malformati
L'Associazione Carlo Bortolani Onlus è diventata proprietaria del Microscopio Elettronico a scansione ambientale...
17-07-2007 - Fonte: Dillo ad Alice

Scoperta correlazione fra inquinamento ambientale e feti malformati
Terminata la raccolta fondi lanciata da Beppe Grillo, l’Associazione reggiana Carlo Bortolani Onlus è diventata proprietaria del Microscopio Elettronico a scansione ambientale per il valore di Euro 378.000,000. Firmata la convenzione con l’Università di Urbino che vede la Dott.ssa Antonietta Gatti responsabile scientifico.

All'inizio del mese di giugno si è svolto a Vienna il congresso mondiale "Health Children and Environment" promosso dall'Organizzazione Mondiale della Sanità dove hanno partecipato anche tutti i Ministri della Sanità dei Paesi della Comunità Europea e gli ONG che si occupano di Salute.
Alice intervista la scienziata dott.ssa Antonietta Gatti che proprio al congresso di Vienna ha illustrato i risultati delle prime ricerche svolte attraverso l'utilizzo del microscopio a scansione ambientale acquistato grazie alla campagna di solidarietà promossa da Beppe Grillo e di proprietà
dell' Associazione Carlo Bortolani Onlus.

La scienziata Dott.ssa Antonietta Gatti ha presentato al congresso mondiale di Vienna "Health Children and Environment" i primi risultati delle ricerche svolte con l’utilizzo del microscopio grazie alla campagna di solidarietà promossa da Beppe Grillo.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (2 votes cast)
Share |

I RICHIAMI ALL’ASSOCIAZIONE PSICHIATRICA AMERICANA PER LEGAMI CON L’INDUSTRIA DEL FARMACO CRESCONO DEL 300% IN TRE ANNI.
Aumentano le prove: gli interessi di parte vengono prima della salute del paziente
Fonte: CCDU

In soli tre anni il numero di conferenzieri del Congresso dell’Associazione Psichiatrica Americana che sono stati richiamati per avere ricevuto fondi illeciti dall’industria farmaceutica, è aumentato di circa il 300% - da quattro pagine nel programma del congresso APA del 2004 a 16 pagine in quello del 2007.

L’introduzione nel 2004 di nuove normative per l’accreditamento ECM (Educazione Continua in Medicina) dei congressi è all’origine di quest’aumento. Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), un gruppo che denuncia gli abusi psichiatrici, sostiene che i conflitti d’interesse dell’APA stanno venendo a galla mentre aumenta la domanda di trasparenza sui pagamenti ed i regali che l’industria farmaceutica fa ai dottori. Il Washington Post scrive che il numero di richiami nel programma del congresso “riflette l’entità dei finanziamenti da parte dell’industria … alcuni dei conferenzieri erano sponsorizzati da almeno una decina di ditte”.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

ALLERTA UE PER COLORANTE ROSSO CANCEROGENO
E' l'E128, usato in salsicce e hamburger da prima colazione

Strasburgo, 9 lug. (Apcom) - L'Autorità europea di sicurezza alimentare di Parma (Efsa) ha ha pubblicato oggi una valutazione di rischio sul colorante rosso Red 2G (indicato sulle etichette alimentari come E128) usato in hamburger e salsicce da prima colazione, in cui si conclude che quest'additivo alimentare "deve essere considerato preoccupante per la salute", perché dopo essere stato assimilato nel corpo umano si trasforma in gran parte in anilina, una sostanza cancerogena.


  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 5/5 (1 votes cast)
Share |

Abbiamo sentito parlare più volte di polveri sottili, nanopolveri o particolato e dei valori riguardanti la loro grandezza, pm 10, pm 2,5 ecc. ma non sentiamo dire altrettanto spesso che queste parole o numeri significano solamente una cosa: VELENO!

Le polveri sono un fattore del tutto naturale, generate da erosione delle rocce, eruzioni vulcaniche, incendi spontanei delle foreste e altri fenomeni naturali, ma credo che a questi, essendo appunto naturali, non possiamo fare altro che quello che abbiamo già fatto, cioè esserci adattati dopo migliaia di anni di evoluzione. Non contenti di questo ci siamo impegnati, devo dire con successo, a “costruire” qualcosa di meglio, “le nanopolveri” queste, possiamo affermare con orgoglio, le produciamo quasi esclusivamente noi. Le nanopolveri o nanoparticelle o particolato o comunque le si vogliano chiamare sono elementi microscopici generati per lo più dai processi di combustione ad altissima temperatura, sono inorganici, non biodegradabili e non biocompatibili, e sono di dimensioni estremamente più piccole, nanometriche appunto, vale a dire estremamente dannosi per la salute, e sono soprattutto volatili, cioè rimangono a lungo in sospensione nell’aria che respiriamo tutti. Il ridicolo è che per non destare troppa preoccupazione ci dicono ufficialmente che il particolato si deposita comunque entro poche centinaia di metri dalla sua fonte, ma questo non ci spiega come mai di tanto in tanto la sabbia del Sahara, ben più grande e ben visibile, si deposita sui panni stesi a migliaia di chilometri di distanza in tutto il mondo.
Anche se non ufficialmente riconosciuta e assolutamente non approfondita, anzi ignorata, esiste una correlazione che lega diverse malattie, allergie e tumori, alla presenza di nanoparticelle, che date le loro dimensioni nanometriche una volta inalate o ingerite passano facilmente dal sangue all’interno delle cellule senza che possiamo farci niente, sono troppo piccole perché i nostri “filtri” le catturino e anche quando vengono attaccate dal nostro sistema immunitario, cioè “mangiate” dai macrofagi, essendo non biodegradabili, questi non possono digerirle e quindi eliminarle, rimangono nell’organismo e penetrano all’interno delle cellule. Lì innescano reazioni che danno origine a diverse patologie chiamate “nanopatologie”.


  • Currently 3.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3.5/5 (2 votes cast)
Share |

VAERS: 371 gravi reazioni avverse dopo vaccinazione con Gardasil
Tratto da Xagena - http://www.vaccinionline.net/index.php?show=12638&pageNum=0 - 5 luglio 2007

Judicial Watch, un’associazione di interesse pubblico, ha ottenuto dall'FDA ( Food and Drug Administration ) la possibilità di visionare gli effetti indesiderati correlati al vaccino contro il papillomavirus umano ( HPV ), Gardasil.
All'11 maggio 2007, il sistema di farmacosorveglianza post-marketing sui vaccini VAERS ( Vaccine Adverse Event Reporting System ) degli Stati Uniti, annoverava 1.637 reazioni avverse digitando la sigla HPV4, che corrisponde alla vaccinazione con Gardasil, un vaccino quadrivalente.
Di queste reazioni, 371 sono definite gravi.

Delle 42 donne che hanno ricevuto Gardasil mentre erano incinte, 18 sono andate incontro a reazioni avverse, che variavano tra l'aborto spontaneo ed i danni fetali.
La paralisi, la paralisi di Bell ( paralisi facciale ), la sindrome di Guillain Barre e le convulsioni sono alcuni dei gravi eventi avversi neurologici associati alla vaccinazione con Gardasil.
Nel database sono segnalati anche 3 casi di 3 persone morte dopo aver ricevuto il vaccino. Una ragazza è morta per trombosi 3 ore dopo aver assunto Gardasil.
Due ragazze di 12 e 19 anni sono morte per problemi cardiaci e/o per trombosi.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Cancro: Fatti e finzioni

| | Commenti (1)

Sempre più spesso, purtroppo, ci ritroviamo a dover affrontare il discorso cancro. Negli ultimi anni sembra si sia divulgata come un’epidemia, in modo diretto o indiretto questa malattia è diventata l’incubo dell’intera popolazione. Come la peste nel XIV secolo il cancro oggi è un’incognita, o almeno così ci vogliono far credere. Nel 2005 si sono registrati 252.662 nuovi casi di cancro[1], nello stesso anno sono morte 129.833 persone di tumore[2]. Ciò, al contrario di quanto possiamo pensare al primo impatto non vuol dire che le percentuali di sopravvivenza sono del 50%, anzi.

Attualmente le percentuali di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi variano a secondo delle fonti, slittano da una media del 46% generico[1] a una media del 2,3% - 2,5% secondo uno studio fatto su 225.000 persone a 5 anni dal trattamento con le cure ufficiali pubblicato su “A Clinical Oncology”[3]. Incredibile ma vero. E’ praticamente impossibile calcolare una media reale dei sopravvissuti a 5 anni dalla malattia, una sola cosa è certa, qualcosa deve cambiare, ancora troppe persone muoiono ogni anno.

Intorno a noi ci sono moltissimi fattori scatenanti, a partire dall’inquinamento passando per gli alimenti con additivi cancerogeni, i cibi OGM, le radiazioni tecnologiche come le microonde e via dicendo. Tutti fattori scatenanti che potrebbero essere evitati se solo i produttori pensassero un po’ più a noi.
Prevenzione si chiama.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

Dosaggi vitaminici: fatevi sentire!

| | Commenti (3)

La Commissione Europea si accinge a fissare limiti di dosaggio per gli integratori – il che potrebbe notevolmente complicare l’acquisto di prodotti vitaminici che oggi si trovano un po’ dappertutto.
Sei un appassionato di integratori vitaminici? Il tuo naturopata o dietologo ti ha consigliato di prendere la vitamina C, il complesso B o un integratore minerale? Sei un naturopata, medico, farmacista o erborista e consigli o vendi le vitamine?
Presta attenzione perché la Commissione europea potrebbe mettere “fouri corso”, addirittura ancora quest’anno, le vitamine più efficaci, a meno che non senta la nostra opinione in proposito. L’allarme è stato lanciato da una associazione inglese di difesa di consumatori e dalla federazione dei negozi del naturale, sempre in Inghilterra.

Ma andiamo per ordine. Nel 2002 passò la direttiva europea sugli integratori alimentari, con un duplice proposito: aprire il mercato comune agli integratori uniformando le divergenti leggi nazionali e proteggere la salute dei consumatori. Però il cammino della nuova normativa si è rivelato più spinoso del previsto.
La Corte Europea ha dovuto occuparsene, ma tuttora rimangono grandi differenze nazionali che ostacolano l’auspicata apertura del mercato. Nel nome della tutela della salute, l’Europa effettivamente potrebbe impedirci di usare le vitamine a scopo preventivo.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

ALT! Si proprio a te!

Ti sei mai fermato a leggere un articolo di un giornale che parla di sostanze con nomi illeggibili o addirittura indecifrabili? E951, E221, E513. . . no, non sto dando i numeri, ti elenco solamente alcuni “codici” che potresti trovare sull’etichetta di qualche prodotto che consumi abitualmente non sapendo che potrebbero danneggiarti la salute. Spero che a questo punto tu non abbia rinunciato a leggere il mio articolo. Adesso cercherò di spiegare al meglio perché bisogna fare attenzione a ciò che mangiamo e soprattutto a ciò che diamo da mangiare ai nostri figli.

Il primo codice cifrato di cui voglio parlare è E951, così a vederlo sembrerebbe innocuo, vediamo:


  • Currently 3.9/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 3.9/5 (21 votes cast)
Share |

Il Tar respinge il ricorso di “Giù le mani dai bambini”: Ritalin in commercio
fonte: http://www.prontoconsumatore.it/
Il Ritalin, discusso farmaco per bambini a base anfetaminica, sarà disponibile in commercio, così come deliberato dal Ministero della Salute. Il Tar del Lazio ha infatti respinto la richiesta dell'associazione “Giù le mani dai bambini” di sospendere il provvedimento con il quale il Ministero ha approvato l'immissione in commercio del farmaco.
Il Ritalin, farmaco per bambini a base anfetaminica al centro di mille polemiche, sarà disponibile in commercio, così come deliberato dal Ministero della Salute. Il Tar del Lazio ha infatti respinto la richiesta dell'associazione ”Giù le mani dai bambini” di sospendere il provvedimento di immissione in commercio del farmaco.

Il Ritalin è al centro di innumerevoli polemiche in quanto la sua molecola appartiene al gruppo delle anfetamine, sostanze universalmente riconosciute come droghe pericolose anche per gli adulti (e infatti illegali). Dall’introduzione del Ritalin, sono stati documentati ben 160 casi di morte da assunzione del farmaco, 2993 casi di reazioni avverse anche gravi e centinaia di migliaia di casi di dipendenza in tutto assimilabile a quella da anfetamine. Alcuni studi hanno anche ipotizzato un forte potenziale cancerogeno della sostanza. Si capisce quindi l’alzata di scudi di associazioni e operatori del settore, che non è stata tuttavia sufficiente a bloccare l’introduzione in Italia del farmaco. Se i sostenitori del Ritalin sostengono che in Italia la somministrazione del farmaco sarà controllata e non selvaggia come negli Usa, i suoi oppositori, oltre a ribattere sulla evidente pericolosità della sostanza, esprimono anche forti dubbi sull’effettiva esistenza dell’ADHD, la patologia che il Ritalin dovrebbe curare.


  • Currently 0/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 0/5 (0 votes cast)
Share |

BIBITE E CANCEROGENI ? : ALCUNI CONSIGLI

Cancerogeno nelle bibite? Si', certo, e la notizia e' vecchia di 15 anni ma non ha trovato molto spazio nei media in tutt'altre faccende affaccendati.
In alcune bibite contenenti benzoato di sodio, potassio o calcio (conservanti) e vitamina C (addizionato o presente nei succhi di frutta) per una reazione chimica, favorita dal calore, dalla luce e dalla presenza di acido citrico (succhi di frutta), si forma il benzene, noto cancerogeno.

La inalazione dei suoi vapori provoca avvelenamento con emorragia delle mucose, della pelle e degli organi interni. Dicevamo che la notizia e' vecchia perche' il problema fu posto dalla FDA (l'organismo statunitense che si occupa di cibo e farmaci) ma c'e' voluto l'intervento della magistratura per rilanciare l'allarme. Il Ministero della Salute, bonta' sua, effettua ricerche.

Il nostro consiglio ai consumatori e' molto semplice: leggere le etichette e controllare se negli additivi c'e' benzoato e vitamina C. In caso positivo lasciare la bibita sugli scaffali del negozio. Al bar chiedere all'addetto di leggere la composizione; se non lo fa cambiate ordinazione o bar.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc
http://www.viaroma100.net/

Sabato 30 Giugno 2007 15:30


  • Currently 4.5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Rating: 4.5/5 (4 votes cast)
Share |

H1N1 -Petizione

Vaccino e Influenza Suina: firma per il diritto ad essere informato!

Macrolibrarsi.it presenta: L'INFLUENZA SUINA A/H1N1 - Un indagine accurata e scientifica per una scelta consapevole
Powered by Movable Type 5.13-en

Dizionario dei Codici E


SCARICA il pratico tascabile per riconoscere i Codici E
Dizionario dei codici E, Additivi negli alimenti, come riconoscerli FORMATO .PDF

EAdditivi - App per Iphone

Schermata1.png SCARICA GRATIS l'elenco dei maggiori additivi alimentari con descrizione e rispettivo grado di tossicità.
Un'applicazione utilissima per essere consapevoli degli additivi alimentari presenti in ciò che mangiamo.


Giornalino n. 16

Scarica il giornalino n.16 de La Leva di Archimede
Luglio 2012

G16.jpg
Scarica il PDF

Giornalino n. 15

Scarica il giornalino n.15 de La Leva di Archimede
Luglio 2010

G15.jpg
Scarica il PDF

Giornalini n. 14

Scarica il giornalino n.14 de La Leva di Archimede
Speciale Vaccinazioni - Novembre 2009

G14.jpg
Scarica il PDF

Ricevi Aggionamenti

Scrivi il tuo indirizzo email nel campo qui di seguito e clicca "Iscrivimi!" per ricevere notifiche di nuovi articoli pubblicati su questo sito

Inserisci la tua email


Powered by FeedBlitz

La nostra rete

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.